World Cup, Italia battuta da Cuba 3-1

Hamamatsu (Giappone), 27 nov. (LaPresse) - Seconda sconfitta per l'Italia nella World Cup di volley. La nazionale di Mauro Berruto è stata battuta per 3-1 (25-21, 19-25, 25-20, 25-17) da Cuba. Gli azzurri scendono così al quinto posto in classifica. Comanda la Polonia con 16 punti davanti a Russia e Brasile con 15 e Cuba a 12. L'Italia è a 11. A questo punto diventa fondamentale la gara di domani con la Serbia. Le prime tre ottengono il pass per Londra 2012.

Berruto ha lasciato in tribuna Sabbi ed ha optato per Fei vice di Lasko, schierando Mastrangelo e Birarelli al centro. Si è capito subito che non sarebbe stato un match facile, se Savani e Lasko riuscivano a passare a fatica, gli altri attaccanti italiani trovavano ancora più difficoltà. Cuba ha vinto il primo set, l'Italia si è riscattata nel secondo, l'unico in cui il muro ha permesso alla difesa di servire i palloni necessari a Travica per le rigiocate.

Nel terzo, ben guidata da Diaz, Cuba si è subito portata avanti di cinque lunghezze (3-8). L'Italia ha lottato, ha rimontato e pareggiato (14-14) poi ha nuovamente ceduto. In svantaggio 2-1 gli azzurri nemmeno nel quarto hanno ritrovato il loro ritmo, e i cubani sulle ali dell'entusiasmo hanno vinto la gara.

ITALIA-CUBA 1-3 (21-25 25-19 20-25 17-25)


ITALIA: Travica 2, Zaytsev 8, Mastrangelo 6, Lasko 20, Savani 17, Birarelli 4. Libero: Giovi. Boninfante, Fei, Parodi 3. Non entrati: Buti, Maruotti. All. Berruto.

CUBA: Mesa 10, Hernandez 18, Leon 20, Perdomo 7, Diaz 3, Bell 10. Libero: Gutierrez. Estrada, Cepeda, Bisset. Non entrati: Hierrezuelo, Fiel. All. Samuels.

Sesta giornata - Pool A (Fukuoka): Iran-Usa 0-3 (15-25 25-27 14-25), Polonia-Cina 3-1 (17-25 25-20 25-21 25-19), Giappone-Egitto 3-1; Pool B (Hamamatsu): Serbia-Russia 0-3 (16-25 16-25 15-25), Argentina-Brasile 0-3 (22-25 20-25 21-25), Italia-Cuba 1-3 (21-25 25-19 20-25 17-25).

Classifica: Polonia 16, Russia e Brasile 15, Cuba 12, Italia 11, Argentina, Stati Uniti e Iran 9, Giappone 5, Egitto e Serbia 3, Cina 1.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata