Mondiali di Volley, sconfitta anche la Cina. Italia avanti a punteggio pieno

Battute (3-1) le campionesse olimpiche. La squadra di Mazzanti va a Osaka con una dote di 15 punti. Final six abbordabili 

Con un'altra grandissima prestazione la nazionale italiana di volley femminile ha ottenuto il quinto successo consecutivo nel Campionato Mondiale 2018. Le azzurre si sono imposte sulla Cina, oro olimpico a Londra 2016, battendola con un secco 3-1 (20-25, 26-24, 25-16, 25-20). Miglior modo di chiudere la prima fase non ci poteva essere per le ragazze di Davide Mazzanti, qualificate così al secondo round da prime del girone, ma soprattutto con il pieno di vittorie e punti (5v e 15p). Un ottimo biglietto da visita con cui presentarsi a Osaka (Pool F), dove dal 7 all'11 ottobre Chirichella e compagne si giocheranno l'accesso alla Top Six, affrontando le formazioni provenienti dal girone C: Thailandia, Azerbaigian, Russia e Stati Uniti.

Come formazione iniziale l'Italia si è schierata con Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Sylla e Bosetti, centrali Danesi e Chirichella, libero De Gennaro. Nel primo set il muro cinese si è fatto subito sentire e così le campionesse olimpiche hanno allungato (8-11). L'Italia ha risposto con Sylla e Egonu, ma non ha mai trovato ritmo in battuta (12-14). Dall'altra parte della rete, invece, le asiatiche con il servizio sono riuscite a mettere in difficoltà la ricezione azzurra (13-17). Le ragazze di Mazzanti non ce l'hanno più fatta a colmare il gap, mentre la Cina ha tenuto sempre alto il ritmo (20-25).

Avvincente e spettacolare la seconda frazione, l'Italia è cresciuta al servizio (aces di Danesi e Egonu), le cinesi non hanno perso terreno (9-9). Alcuni errori delle azzurre hanno consentito alle avversarie di portarsi al comando (10-12), ma un'ottima Cristina Chirichella si è caricata sulle spalle l'attacco italiano (14-14). Entrambe le squadre hanno difeso forte su ogni pallone, arrivando in perfetta parità sul (18-18). L'ingresso di Carlotta Cambi ha scatenato Anna Danesi, la centrale azzurra prima è andata a segno ripetutamente in attacco e poi a muro ha sbarrato la strada alla Zhu (22-19). Sul (24-22) nel momento di chiudere l'Italia ha visto annullarsi due palle set (24-24), ma al terzo tentativo ci ha pensato Chirichella con un muro (26-24).

Al ritorno in campo le azzurre hanno spinto immediatamente sull'acceleratore con Miriam Sylla che si è rivelata imprendibile per il muro cinese (7-4). L'attacco azzurro, diretto ottimamente da Ofelia Malinov, ha aumentato i giri e così Paola Egonu e Cristina Chirichella sono salite sugli scudi (12-5). Le campionesse olimpiche sono state in totale balia delle ragazze di Mazzanti, totali padrone del campo sino al pesante (25-16). Nella quarta frazione l'Italia è partita a razzo (5-1), ma la Cina ha stretto i denti e dopo poche azioni ha riportato le cose in parità (8-8). Le due squadra hanno viaggiato affiancate sino al (15-14), poi una strepitosa Lucia Bosetti ha fermato le attaccanti asiatiche con tre muri consecutivi (19-16). Le campionesse olimpiche sul punto di mollare hanno trovato la forza per rifarsi sotto (19-19), ma al nuovo allungo di Sylle e compagne si sono dovute arrendere (25-20).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata