© Volley Academy Sassuolo
Volley femminile, Mondovì e Sassuolo lottano per la Coppa Italia di A2

A Verona si assegna il primo trofeo della stagione di pallavolo. Le piemontesi, favorite, cercano il secondo assalto alla coppa dopo la sconfitta con San Giovanni in Marignano dello scorso anno. Le emiliane, debuttanti in A2 ma con grandi ambizioni, si affidano alla veterana Crisanti.

Davide sfida Golia. All'Agsm Forum di Verona la sorpresa Canovi Coperture Sassuolo affronta la Lpm Bam Mondovì nella finale di Coppa Italia di A2: una lotta impari, sulla carta, ma meno scontata di quanto potrebbe sembrare (la diretta su Lapresse.it, domenica, dalle 14.30). Da una parte ci sarà la prima classificata del girone A della regular season di Serie A2, Mondovì, favorita sia per la promozione in A1, sia per la vittoria di questo trofeo e desiderosa di vendicare la sconfitta subita nella finale dello scorso anno. Dall'altra, a tentare di ribaltare il pronostico, ci sarà una squadra nata nel 2017 che vuole stupire tutti alla prima esperienza in questa categoria e che può contare su una giocatrice di spessore internazionale come Lucia Crisanti, atleta con alle spalle diversi anni in Nazionale e ben 14 stagioni da protagonista in A1, dove ha vinto tutto a livello di club.

Nata nel 1972, Mondovì è al terzo anno di A2. Dopo una prima stagione in cui ha evitato la retrocessione per ripescaggio, la società piemontese ha rinnovato rosa e ambizioni, arrivando a disputare i playoff promozione e la finale di Coppa Italia. "Non essere riusciti a vincerla è rimasto dentro alle giocatrici e allo staff, perciò volevamo regalare questa seconda occasione alla società e alla città", ha dichiarato coach Davide Delmati. Allenatore con diversi anni di esperienza tra A2 e A1, Delmati può contare su una rosa di alto livello: un mix di giocatrici esperte, come la schiacciatrice e capitana Federica Biganzoli, e di giovani, come l'opposto Elisa Zanette. Proprio Zanette è la stella della squadra: nata nel 1996, a soli 23 anni conta due esperienze in A1, dove ha vinto anche una Coppa Italia con Novara, e tre in A2, dove ha sollevato una Coppa Italia con San Giovanni in Marignano, venendo premiata come miglior giocatrice del torneo. Dopo essere stata la miglior realizzatrice della regular season, sarà l'arma in più di Mondovì per puntare alla promozione e, prima ancora, alla coppa.

Molto più breve la storia della Canovi Coperture Sassuolo, nata nel 2017 dalla collaborazione tra Idea Volley Sassuolo e San Francesco Volley. La squadra emiliana ha affrontato il campionato di B1 potendo contare su due fuoriclasse assolute come Crisanti e Taismari Aguero. Conquistata subito la promozione in A2, il club ha confermato quattro delle sette giocatrici titolari, rinunciando ad Aguero e costruendo una rosa di atlete giovani e di prospettiva, guidate proprio da Crisanti, unica con più di 30 anni regolarmente in campo. Fallito l'obiettivo salvezza all'ultima giornata, la Canovi dovrà disputare fase di playout per non retrocedere, ma ha comunque raggiunto un obiettivo che nessuno si sarebbe aspettato: "Vincere la Coppa Italia sarebbe un valore aggiunto, però già disputare la finale deve essere per noi motivo d'orgoglio, perché tante formazioni che hanno conquistato la pool promozione non ci sono riuscite. Dobbiamo andare a Verona con la voglia di giocarcela fino alla fine", ha dichiarato Crisanti. Quella in corso, tra l'altro, è la sua ultima stagione da giocatrice e questo la spronerà ancora di più a dare tutto per provare a riempire l'ultimo posto rimasto libero in una già ricchissima bacheca di trofei.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata