Under 21, Italia di Mangia sprecona: Immobile castiga la Svezia

Pescara, 12 ott. (LaPresse) - L'Italia ha battuto per 1-0 la Svezia nella gara di andata dei play off per accedere alla fase finale degli Europei Under 21. Per la squadra di Devis Mangia a segno Ciro Immobile al 17'. La gara di ritorno è in programma martedì 16 in Svezia.

Un vantaggio che non la dice tutta, perché soprattutto l'Italia del primo tempo avrebbe meritato di più in fatto di gol: è piaciuta, ha dato spettacolo e lezione di carattere, soprattutto ha offerto a Mangia la risposta che aspettava. Tredicimila spettatori hanno risposto all'appuntamento europeo, momento chiave della stagione degli Azzurrini dopo la splendida cavalcata nel girone di qualificazione. Bastano diciassette minuti alla giovane Italia per ribadire le qualità offensive e la compattezza del gruppo: splendida punizione di Insigne, Johnsson non trattiene e sulla respinta del portiere, con grande opportunismo, l'ex pescarese Immobile realizza di sinistro. Nonostante la superiorità da metà campo in avanti, gli Azzurrini rischiano due minuti dopo per una disattenzione che potrebbe costare cara: Bardi devia come può sulla traversa e sul successivo angolo di testa Petterson sfiora il pareggio, evitato grazie al provvidenziale salvataggio di Florenzi. Al 27' sfiora il palo Capuano, accompagnato dagli applausi del pubblico.

Sciupa molto, l'Under, che gioca un primo tempo di grande intensità e torna negli spogliatoi con un vantaggio che potrebbe essere decisamente più sostanzioso. Nella ripresa solita Italia in avanti, pericolosa ma sciupona, mentre cala fisicamente la Svezia. Mangia chiama la prima sostituzione: Rossi al posto di Saponara. E al 24' Insigne manca il raddoppio con un diagonale sinistro che esce fuori di poco. Al 30' Gabbiadini subentra a Immobile e al 36' Viviano rileva Florenzi. E' meno brillante il secondo tempo, meno incisivo da parte dell'Italia che evidentemente ha speso molto nei primi 45'. Ci prova Insigne, al 43', con un destro che Johnsson devia con i pugni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata