Ultras Corinthians irrompono ad allenamento, tentata aggressione a Pato

San Paolo (Brasile), 2 feb. (LaPresse) - Momento decisamente negativo per il Corinthians e l'ex milanista Pato. Circa un centinaio di ultras hanno fatto irruzione, dopo aver scavalcato le recinzioni, nel centro sportivo del 'Timao' per sfogare la loro rabbia dopo la pesante sconfitta (5-1) subita in settimana contro il Santos. Nel mirino dei contestatori, in particolare, il 'Papero' e Emerson Sheik, oltre che l'allenatore Mano Menezes. Giocatori e tecnico, scrive la stampa brasiliana, si sono messi in salvo rifugiandosi in un luogo segreto. Il tutto, a poche ore dalla sfida in casa del Ponte Preta che a questo punto diventa delicatissima.

Il Corinthians in un comunicato ha espresso "profondo rammarico" per l'accaduto, "condannado gli atti vandalici da parte del gruppo di tifosi". "Ma è importante sottolineare - si legge sul sito ufficiale del club brasiliano - che la stragrande maggioranza dei tifosi non è stata coinvolta in queste azioni". Il 'Timao' precisa che, dopo l'aggressione, la squadra ha spiegato di non essere disposta a scendere in campo nel match odierno. Ma la minaccia di possibili sanzioni, staff tecnico e giocatori hanno deciso di rispettare il calendario.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata