Ultra trail, al via il Tor des Geants:330 chilometri su Alpi valdostane

Torino, 13 set. (LaPresse) - Ha preso il via oggi da Courmayeur, in Val d'Aosta, una delle gare di ultra trail più dure al mondo: il Tor des Geants, ovvero il Giro dei Giganti, il Gran Paradiso, il Monte Rosa, il Cervino e il Monte Bianco. Il Tdg è arrivato ormai alla sua sesta edizione, diventando un fenomeno che richiama atleti da tutto il mondo. I corridori avranno tempo fino a domenica prossima per completare il percorso di 330 chilometri per 24mila metri di dislivello positivo, seguendo per prima l'Alta Via numero 2 verso la bassa Valle e ritornando per l'Alta Via numero 1. Lungo il tracciato sono previsti diversi punti di ristoro, riposo e soccorso, oltre che sette basi d'accoglienza di maggior dimensione, chiamate 'basi vita', che dividono il percorso in sette settori.

Questa mattina alle 10 gli atleti sono partiti sono una pioggia battente, come nell'edizione di due anni fa, ma per fortuna durante la giornata il meteo è migliorato facendo spuntare qualche raggio di sole sulla Val d'Aosta. Patrick Bohard e Sonia Locatelli sono stati i primi, rispettivamente per la classifica di uomoni e donne, a varcare la soglia della base vita di Valgrisenche, a 49 chilometri dalla partenza e quasi 4mila metri di dislivello.

Al Tor des Geants non ci si può improvvisare: oltre alla resistenza fisica e alla preparazione atletica, servono concentrazione e determinazione, ma nulla può preparare i concorrenti in gara alla privazione di sonno. Per stare nelle 150 ore massime infatti ci si può riposare pochissimo, in genere non più di un'ora per notte. E i campioni, che dopo tre giorni hanno terminato la gara, dormono ancora meno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata