Torres: Fortunato a vestire la maglia del Milan, spero che sarò all'altezza

Milano, 2 set. (LaPresse) - "In questi primi giorni tutto succede molto rapidamente. Per me la cosa più importante è adattarmi alla squadra, per aiutarla e dare il meglio". Queste le prime parole di Fernando Torres nella conferenza stampa come nuovo giocatore del Milan. "Non c'era bisogno di visitare il Museo del Milan per sapere quanto è grande questo club", ha proseguito lo spagnolo, arrivato dal Chelsea. "I trofei che ha conquistato questo club mi ricorda cosa devo fare qui. Per me è una grande sfida. Mi sento un privilegiato e fortunato ad essere in questa squadra. Tanti campioni, soprattutto attaccanti, hanno indossato questa maglia, spero di essere all'altezza". "Non vedo l'ora di cominciare", ha aggiunto l'attaccante. "Avrei voluto giocare contro la Lazio e che fosse già domani il match con il Parma".

"Ho molta voglia di cominciare, è una nuova avventura che mi serviva. Volevo giocare in Serie A, dopo l'esperienza in Premier League e prima ancora nella Liga e per me è qualcosa di prezioso e importante. Voglio fare gol ed aiutare il Milan a lottare per l'Europa e conquistare trofei". Queste le ambizioni di Torres. Inevitabile, per 'El Nino', sottoporsi al confronto con i grandi '9' della storia del Milan, come Van Basten, Weah e Inzaghi, nel frattempo arrivato in panchina. "Sono un giocatore differente rispetto ai miei predecessori. Spero di fare come hanno fatto loro e di vincere quello che hanno vinto loro. E' una sfida difficile lo so bene e spero di apparire dal 2014 anch'io nel Museo al loro fianco". Riguardo all'allenatore, Torres ha commentato: "Tutti conosciamo Inzaghi come calciatore e adesso comincia la sua avventura in Serie A. Con passione e voglia di vincere, esattamente come quando giocava. Sono sicuro che lui potrò tirare fuori il meglio di me stesso".

"La mia relazione con Mourinho è sempre stata buona. Ci siamo augurati buona fortuna. Mi ha raccontato la passione che c'è nel calcio a Milano", ha spiegato 'El Nino', arrivato in rossonero in prestito dal Chelsea dove poche volte è riuscito a fare la differenza. Proprio ai 'Blues', ha aggiunto, "ho augurato una stagione piena di successi. Con Mourinho ho imparato moltissimo e gli auguro le cose migliori a lui e alla squadra". In Serie A, Torres ritroverà il connazionale Fernando Llorente: "E' un buon amico e lotteremo contro la sua squadra. Speriamo che vinca il milgiore".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata