Tennis, Us Open: Errani eliminata nei quarti dalla Wozniacki

Roma, 3 set. (LaPresse) - Termina nei quarti di finale l'avventura di Sara Errani agli Us Open di tennis, quarta ed ultima prova dello Slam. L'azzurra cede nettamente a Caroline Wozniacki che si impone con il punteggio di 6-0, 6-1. Un punteggio forse troppo severo per la qualità dello sforzo profuso da Sara, anche se la superiorità della ex numero 1 del mondo è stata evidente. Errani, apparsa peraltro molto stanca dopo dieci giorni di singolare e doppio, si ferma quindi al suo sesto quarto di finale Slam, il secondo a New York. Per la danese, invece, in semifinale la sfida alla cinese Shuai Peng, grande sorpresa del torneo, con la quale parte ovviamente favorita. Per l'Italia resta la carta Flavia Pennetta, testa di serie numero 11 e semifinalista nella passata edizione, che questa notte (all'1.00 del mattino ora italiana) sfiderà la numero uno del mondo Serena Williams. Ieri la statunitense è stata sconfitta nel torneo di doppio, in coppia con la sorella Venus, lamentando un problema alla caviglia.

"Caroline è stata più forte di me soprattutto fisicamente, questa è stata la differenza più grande - spiega a fine gara Errani - Lei è una giocatrice intelligente, solida, ordinata, spinge sempre la palla e non fa mai errori. Se gioca così penso possa vincere il torneo". L'Azzurra analizza poi il match: "Ho cercato di cambiare qualcosa nel secondo set, ho provato ad essere più aggressiva a cercare più la rete ma non ci sono riuscita - argomenta - Sapevo che era molto in forma, ma non così tanto... speravo sbagliasse qualcosina invece oggi non ha fatto neanche un errore. Io ho sbagliato all'inizio a giocarle troppo sul rovescio, ho provato a cambiare ma ero già un po' cotta. C'era tanto vento, ma c'era per tutte e due. Lei non ha problemi con il vento, è intelligente e sa gestirlo. E' stata brava anche sotto quell'aspetto. Forse devo fare la maratona anche io...". Comunque un Us Open positivo per Sara: "E' stato un buon torneo, ho fatto belle partite, ho avuto buone sensazioni. Fa male perdere, ma lei è stata superiore. Spero comunque di continuare con queste sensazioni ci sono ancora tanti tornei in stagione. Ora andrò a Tokyo, Wuhan e Pechino".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata