Australian Open, buona la prima per Berrettini. Avanti anche Djokovic e Federer
Australian Open, buona la prima per Berrettini. Avanti anche Djokovic e Federer

Interrotti per pioggia i match di Fognini, Travaglia, Sinner e Giustino. Fuori dal torneo di Melbourne Salvatore Caruso 

Esordio positivo per Matteo Berrettini agli Australian Open scattati a Melbourne. Nella notte italiana il 23enne romano, numero 8 del ranking e del seeding, ha sconfitto per 6-3 6-1 6-3 l’australiano Andrew Harris, numero 162 Atp e in gara con una wild card, firmando il suo primo successo nel main draw aussie. Interrotti per pioggia i match di Fabio Fognini con Reilly Opelka (lo statunitense è avanti 63 76 1-0), di Jannik Sinner contro Max Purcell (l’altoatesino è in vantaggio 76 62 4-4), di Stefano Travaglia contro Cristian Garin (il cileno è avanti 64 63 1-1) e di Lorenzo Giustino contro Milos Raonic (il canadese è in vantaggio 62 61 5-2).

Finisce, invece, l'avventura di Salvatore Caruso. Il 27enne siciliano, numero 94 Atp, è stato battuto al primo turno dal greco Stefanos Tsitsipas, numero 6 del ranking e del seeding, che si è imposto in tre set (6-0, 6-2, 6-3) in appena un'ora e 45 minuti di gioco.

Partono bene anche Novak Djokovic: il serbo, numero 2 del mondo e del seeding, campione uscente, ha battuto in quattro set il tedesco Jan-Lennard Struff con il punteggio di 7-6 (5), 6-2, 2-6, 6-1, e Roger Federer: il 38enne svizzero, numero tre del ranking e del tabellone, già vincitore del titolo per sei volte, si è sbarazzato agevolmente dello statunitense Steve Johnson, numero 75 Atp in appena un'ora e 25 minuti. Fuori invece Denis Shapovalov. Il canadese, numero 13 Atp, si è arreso all’ungherese Marton Fucsovics, numero n. 66 del mondo in quattro set, dopo una battaglia di 3 ore e 13 minuti (6-3 6-7 6-1 7-6).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata