Stramaccioni: Inter deve andare in Europa, su futuro vedremo

Milano, 20 apr. (LaPresse) - "Il denominatore comune che ha il nostro presidente è quello di riportare l'Inter in alto, nelle posizioni che merita". Così Andrea Stramaccioni nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Parma. "Per noi è importante fare l'Europa. Non dobbiamo ripetere gli errori commessi quest'anno. L'Inter - dichiara il tecnico nerazzurro - sta giocando le partite con grande impegno. Nelle ultime tre, a parte il risultato, abbiamo fatto bene. Dobbiamo far parlare il campo. E' normale che da fuori si vada alla ricerca dei colpevoli". Stramaccioni si difende: "Nel 2013 ci è mancata la continuità nei risultati. E' normale che veniamo giudicati e criticati. Fa parte del gioco". Il tecnico nerazzurro ha comunque dalla sua i tifosi: "Mercoledi' con la Roma il pubblico ha capito il momento e ha sostenuto la squadra fino alla fine".

Tornando al difficile 2013, Stramaccioni ricorda: "Quando eravamo al completo, abbiamo battuto le prime quattro squadre in classifica. Nell'ultimo periodo è stata emergenza.

Nessuno si è mai tirato indietro - dichiara il tecnico - abbiamo le nostre colpe, ma fino a Natale l'Inter era nelle prime posizioni. Non è un alibi ma va tenuto conto. Il nostro futuro è Inter-Parma, per fare bilanci ci sono le persone preposte, come il presidente. Io sono concentrato, battiamo il Parma, guadagnamoci una settimana tranqulla e andiamo avanti fino alla fine". Uno Stramaccioni che non si sente abbandonato. "Non mi sono mai sentito solo, siamo tutti sulla stessa barca. E' giusto che io ci metta la faccia. Se dopo il Napoli ero lo 'special two' e dissi che era una cavolata, ora faccio fatica a stare in Serie A. Il 20 Maggio dopo Inter-Udinese saprete quale sarà il futuro dell'Inter".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata