Cortina, Vonn: "Potrebbe essere stata la mia ultima gara". E Goggia si inchina davanti a lei

L'azzurra si emoziona parlando del suo idolo, che potrebbe ritirarsi. La campionessa americana: "Il mio corpo mi impedisce di fare quello che voglio"

Lindsey Vonn ha ammesso che "è possibile" che lo slalom gigante di Cortina d'Ampezzo, che la campionessa americana non è riuscita a concludere, sia la sua ultima gara in carriera. "C'è un massimo che il mio corpo può sopportare", ha detto ai giornalisti la 34enne americana, rientrata dopo l'infortunio al ginocchio, sulla pista che l'ha vista trionfare ben 12 volte. "Il mio corpo mi impedisce di fare quello che voglio, non sono in grado di sciare nel modo in cui voglio e che so di poter fare", ha aggiunto Vonn, alla sua 19/a stagione. "Non so davvero cosa pensare a questo punto". La gara è stata vinta dalla connazionale Mikaela Shiffrin.

Sofia Goggia si è inchinata a Lindsey Vonn quando la statunitense, uscita più o meno a metà tracciato, è arrivata giù al traguardo e le ha regalato un mazzo di fiori. Un omaggio meraviglioso a una campionessa straordinaria: "Sono molto contenta di essere qui a Cortina, non era nelle mie previsioni", ha spiegato l'atleta bergamasca che è ferma per infortunio. "Ma stamattina mi sono svegliata alle 6.30 e mi sono detta che non potevo non assistere all'ultima gara sull'Olympia di Lindsey Vonn, penso di aver perso tutti i punti della patente perché sono arrivata quassù velocissima. Io la adoro, così sono venuta a respirare un po' il clima di Coppa del mondo, poi la setttimana prossima testerò il mio piede nelle prove di Garmisch e vedremo come va, ma vivo molto nel qui ed ora".

Goggia si emoziona parlando del suo idolo: "Lei piangeva al traguardo, poi Cortina è la sua pista preferita. Noi non ci rendiamo conto dell'icona sportiva che è Lindsey Vonn, ha vinto 82 gare di Coppa del mondo e noi abbiamo avuto la fortuna di competere con un mostro sacro di questo sport, potremo raccontarlo tra cinquant'anni. La guardo sempre con gli occhi della bambina che la ammirava in televisione, anche se l'anno scorso abbiamo battagliato insieme in Coppa del mondo e le ho soffiato la coppetta all'ultima gara". "Ho visto le immagini dell'omaggio che le ha fatto Cortina e - ha aggiunto - ho sentito la sua emozione. A me manca molto lo sci, mettere il pettorale, sentire lo sci in curva, sentirlo nella sua anima, aprire il cancelletto. Ma per fare questo, voglio prima essere sicura di essere nella condizione giusta".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata