Biathlon, Wierer vince Coppa del Mondo

All'atleta di Brunico è bastato un dodicesimo posto nell'ultima gara dell'anno: mai nessun biatleta italiano in precedenza aveva vinto la classifica generale

Dorothea Wierer ha vinto la Coppa del Mondo di biathlon. All'atleta di Brunico, che si presentava in testa alla classifica generale alla vigilia dell'ultimo appuntamento stagionale a Oslo, è bastato un dodicesimo posto nell'ultima gara dell'anno, la mass start vinta dalla svedese Hanna Oeberg davanti alla norvegese Tiril Eckhoff e alla statunitense Clare Egan, per avere la certezza aritmetica del trionfo finale.

Mai nessun biatleta italiano in precedenza aveva vinto la classifica generale di Coppa del Mondo. Wierer chiude così una stagione straordinaria impreziosita dall'oro mondiale, il primo in carriera, conquistato nella mass start di Ostersund. A completare la festa per l'Italia il secondo posto nella generale conservato da Lisa Vittozzi, undicesima al traguardo proprio davanti alla connazionale. Anastasia Kuzmina, l'unica avversaria che poteva impensierire le due azzurre nella lotta per la Coppa del Mondo, non è andata infatti oltre il decimo posto. 

Wierer chiude così a quota 904 dopo aver scartato 36 punti, frutto dei suoi due risultati peggiori: nessuna ha dovuto sottrarne così tanti, segnale della grande continuità di rendimento dell'altoatesina. Lisa Vittozzi si è fermata a 882 e non ha scartato alcun punto, per aver chiuso fuori dalle quaranta la sprint di Oslo e aver mancato la qualificazione alla pursuit. Anastasiya Kuzmina infine è arrivata a 870, scartando 5 punti, mentre Roeiseland ha toccato quota 855 dovendone togliere 11. Altre tre azzurre presenti nella classifica generale: Federica Sanfilippo 42/a a 148, Nicole Gontier 45/a a 145, Alexia Runggaldier 73/a a 41. Per quanto riguarda le coppe di specialità, l'Italia ne ha portate a casa due, l'individuale con Lisa Vittozzi e l'inseguimento con Dorothea Wierer. Anastasiya Kuzmina ha vinto invece la coppa di sprint e Hanna Oeberg quella di mass start. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata