Serie B, tripletta Seferovic: Livorno-Novara 1-3 nel posticipo

Livorno, 17 apr. (LaPresse) - Una grande prestazione di Seferovic, autore di una tripletta, lancia il Novara nel posticipo della 37/a giornata di Serie B. I piemontesi espugnano il 'Picchi' di Livorno 3-1, conquistando la settima vittoria di fila nonché il 13° risultato utile consecutivo, a testimonianza del gran momento di forma della squadra di Aglietti. Ai toscani, che non riescono a sfruttare il pareggio del Verona con il Cittadella per allungare, non basta la rete nel finale di Duncan. La squadra di Nicola resta seconda a 71 punti, a -6 dalla capolista Sassuolo. Il Novara prosegue inarrestabile la sua marcia playoff salendo a quota 59.

I toscani si presentano in campo con una maglia speciale dedicata al ricordo di Piermario Morosini, scomparso un anno fa. Prima parte di gara all'insegna dell'equilibrio tra le due squadre. Il primo squillo è dei padroni di casa, con il destro di Belingheri respinto con i piedi da Bardi (12'). Al 19' si rende pericoloso il Novara, con un affondo di Gonzalez sul quale Mazzoni è chiamato all'intervento. I piemontesi passano al 25': a sbloccare il risultato è Seferovic, servito in profondità da Pesce. Lo svizzero è bravo a battere Mazzoni sul primo palo. Quattro minuti dopo, il Novara sfiora il raddoppio con un colpo di testa di Perticone. Piemontesi ancora vicini al gol in apertura di ripresa in due occasioni, con Lazzarri. Il dominio degli ospiti viene testimoniato dalla rete del raddoppio, al 18': nel tabellino c'è ancora il nome di Seferovic, che batte nuovamente Mazzoni con un destro sottomisura al termine di un'azione tutta di prima. E' la rete della sicurezza per gli uomini di Aglietti. Dionisi prova a riaprire la partita al 35', con una conclusione deviata. Nell'intento ha miglior fortuna Duncan, a tre minuti dalla fine: il ghanese trova dimezza lo svantaggio con un sinistro da fuori area. Ma a spegnere gli ardori dei toscani di Nicola, all'ultimo minuto, ci pensa ancora Seferovic, a segno con una bella girata al volo dopo la sponda di testa di Mehmeti: palla sotto il sette e match finito.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata