Serie B, Perugia-Bologna 2-1 nel primo anticipo stagionale: a segno Verre e Falcinelli

Perugia, 29 ago. (LaPresse) - Il Perugia festeggia con una vittoria il ritorno in Serie B dopo nove anni. In un Renato Curi strapieno, la squadra di Camplone supera 2-1 il Bologna con le reti di Verre e Falcinelli. Non basta ai felsinei il rigore di Cacia. Il tecnico del Perugia schiera tutti i big arrivati dal mercato, con in cabina di regia l'esperto Taddei. Diego Lopez risponde schierando un Bologna con un 4-3-3 che vede Cacia punta centrale affiancato da Laribi e Troianiello. Prima del fischio di inizio c'è stato il giuramento di fedeltà previsto dalla Lega Serie B. Primo tempo senza troppe emozioni. Occasioni che si contano sulle dita di una mano. Dopo una partenza sprint, le due squadre si studiano con il Perugia a comandare il gioco e il Bologna coperto dietro.

Spinto dal pubblico del Curi, il Perugia nel secondo tempo parte subito all'arrembaggio. Al 19' arriva così meritato il gol del vantaggio. E' dell'ex Roma Valerio Verre la prima rete della stagione: il centrocampista raccoglie un rimpallo al limite dell'area e di destro supera Coppola nell'angolino. Al 27' il Bologna resta anche in dieci per l'espulsione ingenua di Garics, che viene ammonito per un fallo ma applaude ironicamente la decisione dell'arbitro e si becca il secondo giallo. Il Perugia ne approfitta e si rende ancora pericoloso prima con una punizione di Taddei su cui Coppola rischia la papera e poi con una bella girata di Falcinelli da centro area con palla di poco alta. Proprio l'attaccante, perugino di nascita, firma il raddoppio al 40' con un bel sinistro da centro area che non lascia scampo al portiere. Dopo due minuti Cacia si procura e trasforma il rigore del 2-1 che riaccende le speranze del Bologna. E' un fuoco di paglia, però, perché i rossoblu chiudono in nove per l'espulsione diretta del neoentrato Zuculini per un brutto fallo a centrocampo. Al triplice fischio finale grande festa sugli spalti del Curi, per il Perugia ritorno migliore nel grande calcio non poteva esserci.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata