Serie B: Crotone frena, Brescia vince a Bari. Pari Novara-Cesena

Torino, 23 dic. (LaPresse) - Il Crotone frena e 'regala' al Cagliari, atteso domani nel posticipo a Salerno, la possibilità di regalarsi un Natale in testa alla classifica in caso di vittoria. Negli incontri della 20/a giornata la capolista non va oltre lo 0-0 in casa contro il Trapani. Reti inviolate anche per il Novara, che divide la posta con il Cesena, mentre cade ancora il Bari, rimontato tra le mura amiche dal Brescia nello scontro diretto. Sorride anche il Pescara, vittorioso contro il Modena.

Allo 'Scida' è 0-0 tra la squadra di Juric, al secondo pari consecutivo, e quella di Cosmi, al termine di un match con poche vere emozioni. I siciliani riescono a reggere bene contro i padroni di casa, apparsi in versione poco brillante e sfiorano addirittura la clamorosa vittoria nel finale, con il palo centrato dal brasiliano Coronado. Il Crotone mantiene il primato salendo a 42 punti, ma il Cagliari domani può scavalcarlo e laurearsi campione d'inverno. Frena anche il Novara, che non va oltre lo 0-0 contro il Cesena. I piemontesi interrompono la striscia di vittorie consecutive, arrivata a sei. La squadra di Baroni può recriminare per la traversa centrata da Buzzegoli nel secondo tempo.

Serata amara per il Bari, che si arrende al Brescia (1-2) incassando la prima sconfitta al San Nicola. I pugliesi subiscono la rimonta delle Rondinelle di Boscaglia, al quarto successo negli ultimi sei match. La squadra di Nicola si porta avanti al 12' con Rada, che batte di testa Minelli. Il Brescia il pareggio nella ripresa, con Caracciolo che trasforma il rigore concesso dall'arbitro Manganiello per intervento falloso di Sabelli su Marsura (23') e dieci minuti dopo completano la rimonta con una gran conclusione del neoentrato Geijo dopo la respinta corta di Guarna.

Tiene il passo del Brescia il Pescara, che si impone, con qualche sofferenza, sul Modena di Crespo (1-0) all'Adriatico e conquistano la terza vittoria di fila. Decisivo nella ripresa, al 9', la rete del solito Lapadula che raccoglie il lancio di Benali e batte di sinistro Provedel, realizzando l'11° gol stagionale. Successo importantissimo in chiave playoff per il Perugia, che passa al 'Piola' di Vercelli 1-0. Umbri avanti al 24' con Alexis Zapata, che ribadisce in rete dopo un gran spunto di Drole. Strada ulteriormente in salita per i piemontesi nella ripresa, con il rosso sventolato a Castiglia all'8'. Nel finale, Perugia vicino al raddoppio ma la traversa impedisce ad Ardemagni un gol da urlo.

Si dividono la posta Spezia e Como (1-1). Succede tutto nella ripresa al 'Picco'. Al 20' lariani in gol con Bessa, che sugli sviluppi di un contropiede sfrutta al meglio l'assist di Ganz battendo Chichizola in uscita. Il vantaggio dura il tempo di cinque minuti: Rapuano punisce un tocco di mano di Casetti in area, dal dischetto si presenta Nené impeccabile nel realizzare l'1-1.

Continua la crisi del Livorno, a secco di vittorie da ottobre. La squadra di Mutti si arrende al 'Picchi' contro l'Ascoli (1-3). Partenza sprint dei bianconeri, in vantaggio dopo appena due minuti con Petagna che insacca di mancino dopo il servizio di Cacia. Dopo quattro minuti, i marchigiani raddoppiano con lo stesso Cacia che stacca alla perfezione sul corner calciato da Jankto in perfetta solitudine. Gli amaranto accorciano le distanze nella ripresa grazie ad una sfortunata autorete di Nava (22'). L'Ascoli spegne però le illusioni di rimonta dei toscani con Giorgi che devia di sinistro il suggerimento di Nava (36').

Un punto a testa tra Vicenza e Latina nella sfida salvezza del 'Menti'. Pontini avanti al 36' con un gran destro di Schiattarella servito da Corvia. I biancorossi riequilibrano i conti nella ripresa, all'8', con un destro di Galano. Stesso risultato anche tra Ternana e Lanciano. Abruzzesi in vantaggio ad inizio ripresa: la firma è quella di Rigione, sugli sviluppi della punizione di Mammarella, quattro minuti dopo l'intervallo. Nella ripresa, al 26', il pareggio degli umbri con Falletti che trafigge Casadei sugli sviluppi del traversone di Aquilanti. La squadra di Breda chiude in dieci uomini per l'espulsione di Furlan, il Lanciano interrompe la striscia di ko consecutivi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata