Serie B: Carpi-Vicenza 1-0, emiliani soli in vetta. Livorno rimonta il Bologna e vince 3-2

Carpi (Modena), 1 nov. (LaPresse) - Il Carpi sogna. La squadra di Castori regola 1-0 il Vicenza grazie a una rete di Mbakogu e si porta in vetta in solitaria in vetta al campionato di Serie B con 24 punti, infilando la quarta vittoria consecutiva. La prima vera opportunità per gli emiliani arriva al 37' quando Mbakogu impegna Bremec alla respinta con un tiro dalla lunga distanza. I padroni di casa continuano a premere e al 43' vanno vicinissimi al vantaggio con Pasciuti, murato da Bremec da due passi dopo la bella palla di Porcari. In avvio di ripresa arriva il gol che decide la sfida: Mbakogu sorprende la disattenta retroguardia veneta e fa esplodere il Sandro Cabassi. Il Carpi ha subito anche la palla del 2-0, ma il palo nega al 7' la gioia del gol a Di Gaudio. Il Vicenza fatica a riorganizzarsi, e sono ancora i padroni di casa a sfiorare il raddoppio prima con un colpo di testa di Romagnli di poco a lato e poi con una conclusione di Lollo che Bremec riesce a deviare. Nonostante le sostituzioni di Marino il risultato non cambia più: il Carpi guarda tutti dall'alto verso il basso in questo equilibratissimo campionato di Serie B.

TRAPANI-BRESCIA 3-2 - Il Trapani batte 3-2 il Brescia nella dodicesima giornata del campionato di Serie B, rimontando per ben due volte lo svantaggio. La squadra siciliana aggancia Bologna e Livorno al secondo posto in classifica con 21 punti, mentre le Rondinelle ristagnano a quota 14. Pronti via e dopo 8' Sestu porta in vantaggio il Brescia. Il Trapani non riesce a colpire nel primo tempo, la partita si riaccende nella ripresa. Al 58' il pareggio dei siciliani con Abate su cross di Falco. Al 63' di nuovo avanti le Rondinelle con Benali. Spinto dai suoi tifosi, il Trapani ribalta però il risultato con le reti di Ciaramitaro al 68' e del neo entrato Aramu al 75'.

TERNANA-CITTADELLA 1-1 - Ternana-Cittadella 1-1 nella dodicesima giornata del campionato di Serie B. Scontro salvezza a cento all'ora al Liberati, con Ternana e Cittadella che si affrontano senza paura. Una partita ricca di emozioni e di cambi di fronte. Rigoni porta in vantaggio gli ospiti al 20' con un tiro dal limite dell'area, Giavazzi pareggia per i padroni di casa al 45' con un sinistro a fil di palo che non lascia scampo al portiere. Le due squadre salgolo appaiate a 11 punti. Gli umbri recuperano martedì il match con la Virtus Entella, prima del posticipo di lunedì sera a Bari. Il Cittadella affronta invece il Latina sabato alle 15.

AVELLINO-CATANIA 1-0 - Basta un calcio di rigore di Castaldo alla metà del primo tempo all'Avellino per fermare un Catania reduce da due successi di fila ma ancora lontano dai quartieri alti della classifica. Gli irpini invece ritrovano la vittoria che mancava da tre giornate e si rilanciano in zona playoff. Dopo un'iniziale fase di studio al 21' Frison stende in uscita Castaldo sugli sviluppi di un bel servizio di Arrighini. L'arbitro non ha dubbi e concede il penalty che lo stesso attaccante non sbaglia, realizzando l'ottavo centro stagionale. I siciliani reagiscono al 33' con un traversone di Martinho che Calaiò non riesce a impattare nel migliore dei modi, ma dietro sbandano pericolosamente due minuti dopo quando il cross di Regoli non trova la deviazione da due passi di nessun compagno di squadra. Nella ripresa l'undici di Sannino prende in mano il controllo delle operazioni, ma i tentativi di Calaiò e di testa di Leto non preoccupano Gomis. Dalla parte opposta il neoentrato Zito al 22' trova lo spazio per concludere, ma Frison fa buona guardia. Nel finale l'Avellino non soffre più di tanto e porta a casa tre punti preziosi.

PRO VERCELLI-BARI 3-0 - La Pro Vercelli travolge il Bari 3-0 nella dodicesima giornata di Serie A. Trascinata da un super Ettore Marchi, autore di una tripletta, la compagine piemontese torna alla vittoria dopo tre turni e supera in classifica proprio i baresi di Devis Mangia, traditi dalla scarsa vena dei propri attaccanti e da un approccio troppo soft nella prima frazione di gara. Marchi sblocca il risultato al 20' su calcio di rigore concesso per un fallo di Galano su Scaglia. Raddoppio al 31' del centravanti bianconero di testa su cross di Scaglia. Il tris del bomber di casa a 5' dalla fine ribadendo in rete una respinta di Donnarumma su tiro di Ardizzone.

CROTONE-PERUGIA 2-1 - Il Crotone rialza la testa. I calabresi battono 2-1 tra le mura amiche il Perugia, al secondo ko in tre gare, e abbandonano almeno momentaneamente l'ultimo posto della classifica salendo a quota 10 e scavalcando il Latina. Primo tempo avaro di occasioni da gol, almeno fino al 44' quando Gigli insacca nella propria porta dopo un retropassaggio controllato male dal portiere Secco. Il vantaggio fortunoso del Perugia scuote l'undici di Drago che nella ripresa si proietta in attacco. Torregrossa al 14' sbuca sul secondo palo e realizza l'1-1 su cross dalla sinistra di Martella. Al 20' Provedel respinge la conclusione di Ricci arrivato a tu per tu con il portiere. Gli umbri si fanno vedere al 25' con Verre, che non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Al 36' Torregrossa salta in area Provedel che lo stende in area e viene espulso. Dal dischetto De Girgio non sbaglia e regala il primo successo tra le mura amiche al Crotone.

ENTELLA-LANCIANO 0-0 - Pareggio a reti bianche tra Virtus Entella e Virtus Lanciano che si spartiscono la posta in palio raccogliendo un punto che muove la classifica di entrambe: i liguri restano fuori dalla zona retrocessione, gli abruzzesi sono in piena lotta playoff. In avvio si fanno apprezzare maggiormente i padroni di casa, in particolare con Lanini che spaventa in paio di occasioni Nicolas con tentativi da fuori. La risposta degli ospiti arriva alla mezzora quando Mammarella su punizione trova Piccolo, che da due passi trova l'opposizione dell'ottimo Pelizzoli pronto a deviare in corner. Nella ripresa al 17' il Lanciano si rende di nuovo pericoloso su palla da fermo. Mammarella pesca in area Monachello che di testa incorna sopra la traversa. Le due squadre sembrano accontentarsi del pari, ma nel finale hanno una ghiotta opportunità per parte: al 42' dopo un tiro di Litteri respinto dal portiere, Sansovini sbaglia a porta vuota un facile tapin. Dalla parte opposta Monachello arriva alla conclusione ma Pelizzoli non si fa sorprendere.

LIVORNO-BOLOGNA 3-2 - Va al Livorno lo scontro diretto con il Bologna nel big match della dodicesima giornata del campionato di Serie B. Gol a grappoli e grandi emozioni al 'Picchi', con la squadra di Gautieri capace di recuperare due volte i felsinei e di siglare al 44' con Vantaggiato il gol vittoria per il 3-2 finale. Dopo un primo tempo in cui si registra poco o nulla, le due squadre si scatenano nella ripresa. Al 13' gli ospiti vanno in vantaggio grazie a un'autorete di Ceccherini frutto di un'imcomprensione con il compagno di squadra Bernardini, che lo colpisce nel tentativo di spazzare la palla sulla linea di porta. I toscani reagiscono e trovano subito il pari con Vantaggiato al 20' con Vantaggiato in spaccata su asssist di Galabinov. Al primo affondo però la squadra di Lopez è di nuovo avanti: Zuculini viene lasciato solo in area al 28' e non perdona battendo Mazzoni. Il Livorno non si arrende e dieci minuti dopo pareggia i conti con un calcio di rigore di Galabinov, per una trattenuta subita dallo stesso attaccante. I padroni di casa continuano a spingere e al 44' realizzano il 3-2 definitivo con Vantaggiato che da due passi spinge il pallone in rete sul tiro cross di Biagianti.

PESCIARA-SPEZIA 1-2 - Valentini inguaia il Pescara. Una doppietta del difensore dello Spezia consente ai liguri di espugnare l'Adriatico e di restare in zona playoff. Per gli abruzzesi invece, puniti in pieno recupero per il 2-1 finale, la classifica peggiora sempre più: la squadra di Baroni è stata battuta tre volte nelle ultime quattro uscite. Gli ospiti si portano avanti al 34' con un colpo di testa sotto l'incrocio dei pali del centrale argentino. I padroni di casa provano a reagire e al 31' trovano il pareggio grazie a un autogol di Ceccarelli dopo un incomprensione con il portiere Chichizola. Lo Spezia rimane poi in dieci al 36' per il rosso diretto a Cisotti dopo un brutto intervento. Il Pescara cerca il gol vittoria (negato da Chichizola a Sowe) e nel finale addirittura subisce la beffa con il secondo gol di Valentini dopo aver scavalcato Aresti in uscita.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata