Serie A, Totti non basta: Roma fermata all'Olimpico dal Sassuolo

Bologna, 20 set. (LaPresse/Italia Media) - Continua il momento d'oro del Sassuolo, che aggiunge un'altra piccola impresa al suo grande campionato. I neroverdi escono indenni dall'Olimpico, contro la Roma, dopo essere stati per due volte in vantaggio e aver mostrato sprazzi di calcio d'alto livello. Siamo solo alla quarta giornata, ma giocando così Di Francesco può davvero iniziare a sognare l'Europa. Nella Roma, invece, non ha funzionato il turnover in attacco, mentre forse Garcia avrebbe avuto bisogno di ruotare gli uomini a centrocampo.

I primi minuti fanno immediatamente intuire che per la Roma sarà una domenica davvero dura. La squadra di Di Francesco occupa il campo con un'autorità da grande, riuscendo a costringere i giallorossi nella loro metà campo con un palleggio forse non rapidissimo, ma comunque preciso ed efficace. In mezzo al campo la squadra di Garcia fatica a recuperare palla, perché Pjanic, non al meglio, è piuttosto molle nel pressing e De Rossi non ha il passo per sostenere Nainggolan. Il Sassuolo viene premiato a 22' dal primo gol in maglia neroverde di Defrel, che conclude una ripartenza alla sua maniera, con un sinistro velenoso che lascia di sasso De Sanctis, sostituto dell'infortunato Szczesny. La reazione della Roma c'è, ma a parte qualche inziativa di Salah, i giallorossi faticano a creare pericoli a Consigli. A mettersi nei guai è lo stesso portiere, che con un rinvio da codice rosso innesca l'azione che porta Totti, in fuorigioco non rilevato, a firmare il gol del pari. Ma il Sassuolo ha più birra e prima dell'intervallo torna avanti con Politano, al primo gol in serie A: gran diagonale su assist di Floro Flores.

Dopo l'intervallo è Salah a tirare la Roma fuori dai guai con un gran sinistro al volo sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Match di nuovo in parità, per la Roma sarebbe il momento di premere per il vantaggio, ma il Sassuolo tiene. Garcia getta nella mischia Iago e Dzeko, ma a parte qualche brivido per una brutta uscita di Consigli, la mossa non produce risultati. Anzi, nel finale è Berardi, rientrato dopo l'infortunio, a sprecare un goloso contropiede optando per la molle soluzione personale invece di servire Defrel, messo meglio davanti a De Sanctis. L'EuroSassuolo continua a sognare, dunque; per la Roma un brutto risveglio dopo i progressi visti contro il Barcellona.

www.sportevai.it

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata