Serie A, numeri girone di andata: Juve crea più occasioni, Roma 1/a nel possesso palla

Roma, 22 gen. (LaPresse) - La Lega Serie A ha analizzato i dati statistici elaborati da Panini Digital al termine del girone di andata del campionato. Delle 190 partite fin qui disputate, 66 sono terminate con un pareggio, in aumento rispetto al dato dello scorso campionato (55 le "x" un anno fa). I gol realizzati sono stati 496, perlopiù di destro (249, contro i 156 di sinistro), la maggior parte dentro l'area di rigore (418).

Curioso il dato delle doppiette, 44, esattamente come al termine del girone d'andata della stagione 13-14, che aveva però registrato una tripletta in meno di quest'anno (4, realizzate da Higuain, Icardi, Ekdal e Djordjevic). Il gol più rapido del torneo, al momento, è quello di Di Natale, a segno dopo 22 secondi in Udinese-Genoa, ma la maggior parte delle reti arriva negli ultimi quindici minuti di frazione, 94 gol tra il 75' e il triplice fischio e 92 tra la mezz'ora e l'intervallo di gioco.

Analizzando i dati di squadra, la Juventus capolista del torneo è quella che ha creato più occasioni da gol (131), la Roma detiene il maggior possesso palla medio a incontro (31' e 50"), mentre il Napoli tira nello specchio più di tutte (130 volte). Tra i singoli in evidenza Tevez che precede tutti nella classifica marcatori (13 gol), Magnanelli si mette in luce per il maggior numero di palle recuperate (423), Sportiello per le parate (70) e Valdifiori per gli assist (42). In campo sono scesi almeno una volta 501 calciatori, tra i quali 48 esordienti Under 21 in Serie A (Cagliari e Empoli hanno schierato il numero più alto di giovani calciatori).

Per quanto riguarda le presenze negli stadi (più di 4 milioni in totale) e gli ascolti in tv, troviamo l'Inter nelle due partite record di queste speciali classifiche: il derby d'andata col Milan ha registrato al Meazza 77.897 spettatori, mentre la sfida dei nerazzurri con la Juventus a Torino, alla 17/a giornata, è stata vista sulle tv a pagamento da una media di 3.672.373, con il 13,28% di share.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata