Serie A: la Lazio non si ferma più, Keita e Djordjevic stendono Frosinone

Roma, 4 ott. (LaPresse) - La Lazio non si ferma più. I biancocelesti infilano la quarta vittoria consecutiva (la terza in campionato) battendo 2-0 un ottimo Frosinone che ha confermato quanto di buono fatto vedere con Juventus ed Empoli. A dispetto di quanto possa trasparire dal risultato infatti va detto che i padroni di casa sono passati in vantaggio a dieci minuti dalla fine con Keita e hanno trovato il raddoppio in pieno recupero con la squadra di Stellone disperatamente sbilanciata in avanti alla ricerca del pareggio. La Lazio si proietta così momentaneamente al secondo posto in classifica, a una sola lunghezza di distanza dalla capolista Inter. Una metamorfosi incredibile per una squadra che solo qualche settimana va veniva pesantemente contestata. Il Frosinone invece esce dall'Olimpico a mani vuote ma con la consapevolezza di potersela giocare con tutte da qui alla fine. Lo scotto dell'esordiente nella massima serie sembra essere alle spalle.

Pioli si affida al collaudato 4-3-3 con Felipe Anderson e Kishna a supporto di Djordjevic. Solo panchina per il recuperato Candreva, mentre rientra in mezzo al campo Cataldi. Dalla parte opposta Stellone risponde con la coppia Ciofani-Dionisi in attacco. L'inizio è tutto a tinte biancocelesti: al 10' Felipe Anderson con un tiro da fuori impegna Leali all'intervento in tuffo, un minuto dopo Gentiletti di testa non inquadra lo specchio della porta. Primo squillo degli ospiti al 13', con Pavlovic che per poco non sorprende Marchetti. Dopo un buon inizio la gara vive una fase di stanca nella parte centrale del primo tempo, ma al 36' l'undici di Pioli sfiora nuovamente il vantaggio con un tocco di Kishna che termina fuori di un soffio.

I ciociari si difendono con ordine e quando possono non disdegnano qualche sortita offensiva. Proprio in avvio di ripresa il Frosinone va vicinissimo al vantaggio con Soddimo, ben imbeccato da Berisha, il cui diagonale viene deviato da Berisha, entrato al posto dell'infortunato Marchetti. Gli ospiti insistono e al 20' ancora con Soddimo non inquadrano lo specchio della porta. Poi, un minuto dopo, la sfortuna si accanisce contro la squadra di Stellone: sugli sviluppi di un calcio d'angolo Blanchard, già a segno contro la Juventus, colpisce in pieno la traversa con un colpo di testa. Passato il pericolo la Lazio si riorganizza affidandosi al neo entrato Keita, che prima sfiora il gol al 34' con un'azione in velocità, poi fa esplodere tutto l'Olimpico segnando con un rasoterra chirurgico il gol dell'1-0. Il Frosinone si scopre, la Lazio ne approfitta e in pieno recupero (dopo un tiro di Parolo deviato in corner) arriva la rete della sicurezza con Djordjevic che appoggia comodamente in rete dopo un tiro di Felipe Anderson respinto da Leali.

LAZIO-FROSINONE 2-0

RETI: st 35' Keita, 49' Djordjevic.

LAZIO: Marchetti (37' st Berisha); Basta (17' st Braafheid), Hoedt, Gentiletti, Lulic; Cataldi, Biglia, Parolo; Felipe Anderson, Djordjevic, Kishna (16' st Keita). A disp. Konko, Patric, Radu, Onazi, Morrison, Candreva, Milinkovic-Savic, Mauri, Matri. All. Pioli.

FROSINONE: Leali; Rosi, Bertoncini, Blanchard, Pavlovic (41' st Castillo); Soddimo (40' st Verde), Chibsah, Gucher, Paganini (29' st Tonev); Dionisi, D. Ciofani. A disp. Zappino, Gomis, Russo, M. Ciofani, Crivello, Frara, Gori, Sammarco, Carlini. All. Stellone.

Arbitro: Di Bello.

Note: ammoniti Biglia, Gentiletti, Felipe Anderson, Keita (L), Dionisi (F).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata