Serie A, Fiorentina in Europa. Palermo e Siena retrocedono in Serie B

Torino, 12 mag. (LaPresse/Italia Media) - Il Palermo e il Siena retrocedono matematicamente in Serie B con una giornata di anticipo sulla fine del campionato. I rosanero hanno perso per 1-0 in casa della Fiorentina, mentre i pareggi in Genoa-Inter 1-1 e Chievo-Torino 1-1 di fatto consentono ai rossoblu e ai granata di salvarsi. In serie B retrocedono pertanto Pescara, Siena e Palermo. La Fiorentina si qualifica matematicamente per l'Europa League, ma è ancora in corsa per un posto in Champions.

FIORENTINA-PALERMO 1-0 - E' una rete del grande ex della vigilia Luca Toni a condannare il Palermo a un'amara retrocessione in Serie B e a mantenere accesa una piccola speranza in chiave Champion's League per la Fiorentina, con questa vittoria distante solo 1 punto dal Milan impegnato questa sera con la Roma. I rosanero di Sannino hanno venduto cara la pelle, sfiorando per due volte il gol con Munoz nel primo tempo. Anche la Fiorentina si è resa pericolosa un paio di volte con Toni e Jovetic, prima del gol al 40' dello stesso Toni, abile in scivolata a convertire in rete il cross di Cuadrado. Nella ripresa il nubifragio abbattutosi su Firenze complica la speranze di rimonta per il Palermo, che anzi rischia più volte di subire il 2-0 e nonostante la pressione finale è costretto a cedere l'onore delle armi. Dopo nove anni il Palermo torna così in Serie B.

GENOA-INTER 0-0 - Continuiamo così, non facciamoci del male. Genoa e Inter, parafrasando Nanni Moretti, si leccano le ferite di un campionato di lacrime e si accontentano di un pari senza gol che va bene a entrambe. I rossoblù che conquistano la sofferta salvezza e l'Inter che con difficoltà era arrivata a mettere undici giocatori in campo viste le tante defezioni. Lecito attendersi poco e così dopo un primo tempo di sbadigli interrotto solo da due miracoli di Handanovic su Borriello e Bertolacci, l'emozione più forte si registra solo quando entra in campo al 15' st Cassano che sostituisce Alvarez. Per l'ex doriano bordate di fischi dalle tribune, improbabile che possa essere proprio il Genoa la prossima destinazione del barese che si mette però in mostra con un bell'assist per Rocchi che si vede negare il gol dalla traversa. Occasione figlia unica di madre vedova, non ha interesse la squadra di Ballardini a forzare i ritmi, non ne ha le forze l'Inter. Inevitabile lo zero a zero, si segnala solo l'esordio in A del giovane nerazzurro Spendlhofer.

CHIEVO-TORINO 1-1 - Dieci minuti di fuoco di paglia e poco più tra Chievo e Torino che si fermano sul pari per 1-1 che accontenta tutti, i veronesi già appagati e i granata alla ricerca del punto salvezza. Comprensibile quindi che quando al 20' Cerci su un rigore concesso per fallo di Dainelli su Ogbonna metteva dentro il gol del pareggio dopo il vantaggio clivense con Thereau (al nono centro stagionale che sa di addio visto le voci che lo danno vicino alla Fiorentina), la gara calasse di intensità. Ritmi bassi in un incontro che solo a sprazzi il Chievo ha provato a ravvivare con fiammate improvvise una ripresa sonnacchiosa. Unico brivido al 21' un grande intervento di Puggioni in uscita su Cerci che salva un risultato peraltro quasi mai messo in discussione. La girandola di sostituzioni finale si segnala solo per l'esordio del giovane Sowe del Chievo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata