Serie A, derby alla Lazio. Roma ko 3-2, follia De Rossi

Roma, 11 nov. (LaPresse) - Una Lazio determinata e pragmatica si aggiudica per 3-2 il derby contro una Roma che, come di consueto, si è fatta rimontare dopo l'iniziale vantaggio. Solito derby di fuoco, con squadre nervose e incidenti tra le tifoserie prima della partita. Un tifoso giallorosso è stato accoltellato. La squadra di Petkovic stacca di cinque punti in classifica una Roma lontana dalle zone alte e alle prese sempre di più con un caso De Rossi. Il centrocampista, evidentemente nervoso, si è fatto espellere alla fine del primo tempo per un violento pugno rifilato a Mauri in mischia. Potrebbe essere stato questo l'ultimo capitolo di De Rossi nel derby, una sua partenza a gennaio appare ormai sempre più probabile.

Partita che inizia sotto un diluvio che fa saltare momentaneamente l'impianto di illuminazione dello stadio. Alla ripresa la Roma sblocca subito il risultato con un bel colpo di testa di Lamela, su assist di Totti da calcio d'angolo. Rete viziata, però, da un fallo dell'argentino su un difensore avversario. I bianconelesti, complice un terreno di gioco pesante, faticano a replicare ma dopo aver trovato il pari con una punizione di Candreva, non trattenuta dall'incerto Goicoechea, ribaltano il risultato con Klose, abile a sfruttare un tiro-cross di Hernanes. Nel finale l'episodio che vede protagonista De Rossi e che costringe la Roma a giocare in dieci la ripresa.

Secondo tempo che inizia subito con il 3-1 della Lazio. Su un innocuo lancio lungo, Piris rinvia incredibilmente sui piedi di Mauri che tutto solo dal limite fulmina Goicoechea sulla sinistra. Per la Roma si fa sempre più buia, con il terreno pesante e la pioggia battente che non aiuta la squadra di Zeman e le sue trame di gioco in velocità. I giallorossi tengono la palla, attaccano, ma quasi mai impensieriscono Marchetti. E' anzi la Lazio a rendersi più volta pericolosa con Hernanes e Ledesma. Nel finale Zeman prova a rimescolare le carte e toglie un esausto Totti per inserire Pjanic. E' proprio il bosniaco a tre minuti dal termine a riaprire la gara con una incredibile punizione da 40 metri che sorprende il distratto Marchetti. Nel frattempo anche la Lazio è in dieci per l'espulsione di Mauri e i minuti finali sono ad alta tensione. La Roma si getta all'attacco e sfiora un clamoroso pareggio nel recupero con un sinistro al volo di Marquinho terminato sull'esterno della rete. Al triplice fischio finale di Rocchi esplode la gioia di Petkovic e dei suoi ragazzi, Zeman lascia l'Olimpico a testa bassa. La sua panchina torna a tremare.

LAZIO - ROMA 3-2

Reti: 10' Lamela, 36' Candreva, 44' Klose, 48' Mauri, 87' Pjanic.

Lazio: Marchetti; Konko, Biava, Dias, Lulic (59' Radu); Ledesma; Candreva (83' Cana), Gonzalez, Hernanes (75' Brocchi), Mauri; Klose. All. Petkovic.

ROMA: Goicoechea; Piris, Marquinhos, Burdisso, Balzaretti; Bradley, De Rossi, Florenzi (63' Marquinho); Lamela (46' Tachtsidis), Osvaldo, Totti (71' Pjanic). All. Zeman.

Arbitro: Rocchi di Firenze.

Note: espulsi De Rossi al 47' per gioco scorretto, Mauri all'85' per doppia ammonizione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata