Seedorf: Contro Chievo Milan vuole con forza tre punti, Balotelli sta crescendo

Milano, 28 mar. (LaPresse) - "Vogliamo tre punti che credo vadano cercati con molta forza, queste due partite hanno dato molto morale, questa energia era quella di cui la squadra aveva bisogno per sbloccarsi. spero con tutto il cuore che domani possano entrare in campo con lo stesso spirito di quello visto delle ultime gare". Così il tecnico del Milan Clarence Seedorf in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Chievo Verona ha spronato i suoi ragazzi a proseguire nella striscia di risultati utili dopo il pareggio con la Lazio e il successo sulla Fiorentina.

"E' importante per noi ricordare tutto quello che è stato fatto, sapendo che in qualche momento non abbiamo raccolto quello che meritavamo, ma questo fa parte del calcio - ha proseguito l'allenatore olandese - Poi quando i risultati continuano a essere negativi si scatenano certi meccanismi. Noi siamo stati bravi a dare risposte in questi giorni, il gruppo è forte e unito, è migliorato dalla Lazio alla Fiorentina, vogliamo far vedere domani lo stesso tipo di intensità e compattezza per vincere ancora". Tra i clivensi ci sarà l'ex compagno di squadra in rossonero Alberto Paloschi. "Ho visto poco di lui in questi mesi, ero in Brasile - ha ammesso Seedorf - ovviamente lo conosco è un ragazzo generoso, mi hanno detto che ha fatto bene, sono contento per lui perché so quanto ci tiene. Sarà un piacere salutarlo", ha concluso.

A livello generico il periodo che sta attraversando la squadra, "è un momento di difficoltà e di transizione, anche il Manchester United sta passando un momento simile, ognuno cerca di porsi degli obiettivi, ma sono sicuro che questi non tolgano la voglia di essere competitivi ogni anno", ha ammesso Seedorf. "Ci vuole più pazienza, credo non mancherà da parte dei tifosi finché vedranno impegno - ha aggiunto l'allenatore olandese - Ma sono molto ottimista per quanto riguarda il futuro del Milan". Il tecnico rossonero ha anche parlato di Mario Balotelli, tornato a segno in occasione della sfida con la Fiorentina. "Gli ho fatto tanti complimenti per la sostanza della sua gara, oltre che per la qualità che lui sempre dà. E' stata la prima gara in cui l'ho visto per 90 minuti fare le due fasi di gioco e svolgere quello che gli è stato chiesto, anche qualcosa in più, "ha evidenziato l'olandese. "L'ho visto interagire con l'arbitro con le mani dietro la schiena e con più rispetto, sono cose che lasciano intravedere un'evoluzione in lui - ha aggiunto l'allenatore olandese - Se riesce a rifare questo tipo di prestazioni credo saremmo tutti molto felici per il calcio italiano, avrebbe trovato continuità".

Una battuta anche sui progressi di Ricardo Kakà. "E' stato determinante in queste partite anche perché non ha dovuto ricorrere il terzino, lui per generosità lo fa anche, ho dovuto frenarlo - ha ammesso Seedorf - Mi serve più fresco verso l'altra porta. Credo fortemente possa dare ancora tanto, più vicino sta all'attaccante, più può far male". Contro il Chievo Verona dovrebbe tornare almeno in panchina Andrea Poli, assente dalla sfida con la Juventus. "E' la fortuna di un allenatore, può giocare in tanti ruoli a centrocampo - ha sottolineato il tecnico del Milan - Ha la testa sulle spalle, è equilibrato, quando un calciatore è polivalente può dare un grande vantaggio".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata