Scommesse virtuali, per gli operatori troppi ritardi
«Nonostante la rete di raccolta fisica delle scommesse sia in grave difficoltà per la flessione del gioco sportivo e il crollo di quello ippico, all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e a Sogei fanno molte promesse, continuando a perdere tempo e non consentendo la partenza delle scommesse su eventi virtuali, attese da oltre sette anni e ultima occasione per il rilancio della raccolta nei Negozi di Gioco». E' l'opinione espressa da Assosnai in una nota in cui si sottolinea che «i concessionari dello stato sono tenuti a rispettare la rigida regolamentazione dell'attività, dovendo subire notevoli costi ed incombenze, con applicazioni di penali, sanzioni, interessi, mentre i Monopoli, incaricati di far rispettare i contratti sottoscritti, sono i primi a non rispettare tempi e scadenze e ciò costringerà la rete dei Negozi a tutelarsi, chiedendo conto nei tribunali dei danni da ciò procurati alla loro attività». Con i continui ritardi, si legge nella nota, i Monopoli «non tutelano la propria rete di vendita, favorendo di fatto la concorrenza sleale da parte dei centri trasmissione dati (CTD) privi di concessione che da sempre accettano le scommesse su eventi virtuali». Ad esempio, quest'estate, con pochissimi avvenimenti sportivi di richiamo e con il perdurare dell'irrisolta crisi dell'ippica, «l'avvio delle scommesse su eventi virtuali – introdotte dal decreto Bersani del 2006 - avrebbe permesso ai Negozi di Gioco di utilizzare proprio questo periodo per lanciare il nuovo prodotto presso il pubblico, presentandolo nel modo migliore». Si tratta dell'«ennesima dimostrazione che i Monopoli sono più interessati ad introdurre giochi che portano maggiori risorse alle casse dell'Erario, privilegiandone la diffusione on line o nella rete generalista dove milioni di persone sono abbagliate da giochi ripetitivi, milionari e ad alto rischio di compulsività».

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata