Sci, boom di tifosi a Sestriere per la Coppa del Mondo
Più di 12mila appassionati hanno assistito alla gara che ha visto il successo di Worley e uno splendido secondo posto di Goggia

Sole, tanta neve, una gara bellissima con un'Italiana sul podio e una marea di gente: il ritorno della Coppa del Mondo di sci al Sestriere è stato un vero e proprio boom. Più di dodicimila appassionati hanno assiepato il parterre e i bordi della pista Kandahar Giovanni Alberto Agnelli che ha visto il successo della francese Tessa Worley nello slalom gigante. Ad accendere l'entusiasmo della gente è stata però la azzurra Sofia Goggia, splendida seconda.

Per il Colle tanto caro alla famiglia Agnelli un grande successo sotto tutti i punti di vista, a partire dall'organizzazione impeccabile. Non a caso grande soddisfazione è stata espressa dal presidente di Sestriere Spa Giovanni Brasso. "Una prima giornata da incorniciare, con un pubblico meraviglioso di quasi 12mila persone che ci ha fatto ricordare le Olimpiadi", ha raccontato a LaPresse. Il ritorno di un evento sportivo di così alto livello è un punto di partenza importante per dare ulteriore impulso al turismo della montagna in Piemonte. "Il ritorno della coppa del Mondo è fondamentale per tutte le stazioni sciistiche e per tutta la Regione. Abbiamo dimostrato che noi sappiamo fare le cose, che i piemontesi credono e hanno voglia di sci", ha aggiunto. Ora l'obiettivo è fare in modo che il Sestriere torni ad essere un appuntamento fisso nel calendario della Coppa del Mondo di sci. "Naturalmente non dipende da noi, ma dalla Fis e dalla Fisi. Hanno visto come sono andate le gare, ora faranno le loro valutazioni. La Fisi - ha concluso il presidente Brasso - ci ha sempre sostenuto e spero che il nostro lavoro sia premiato. Noi ce l'abbiamo messa tutta".

Soddisfazione è stata espressa anche dall'assessore regionale allo sport Giovanni Maria Ferraris che ha assistito alla gara dalla tribuna. "Abbiamo dimostrato che il nostro territorio è pronto per aventi di questa portata. Il Piemonte si conferma terra di sport e di passione", ha detto a LaPresse. "Oggi è la conferma di quanto il popolo piemontese sia amante dello sci e degli sport invernali. Continuiamo  così, anzi investiamo come vuole fare Club Med a Cesana e San Sicario perché questo vuol dire economia e turismo", ha aggiunto l'assessore Ferraris. Per il Piemonte si chiude un 2016 straordinario e ricco di eventi sportivi, ora si guarda già al prossimo anno. "Non mancheranno sorprese anche nel 2017, certo che un 2016 così ricco non sappiamo se possiamo ripeterlo. Noi proveremo a fare il bis e portare in Piemonte sempre più sport, con oltre 4300 impianti dei quali il 43% all'aperto in montagna possiamo dare il massimo", ha concluso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata