Scherma, Vezzali: Fioretto femminile c'è, a Tokyo possiamo dire la nostra
Scherma, Vezzali: Fioretto femminile c'è, a Tokyo possiamo dire la nostra

La campionessa azzurra protagonista di un'Accademy sportiva al Forte Village in Sardegna insieme a Stefano Pantano

 "Il fioretto femminile c'è e sicuramente le atlete sono molto forti ma lo siamo anche in tutte le altre armi. Possiamo dire la nostra a Tokyo il prossimo anno". Parola di Valentina Vezzali, campionessa olimpica di scherma, in qusti giorni protagonista dello sport al Forte Village, a Santa Margherita di Pula (Cagliari). E' qui che l'ex azzurra (sei ori, un argento e due bronzi) tiene una vera e propria Accademy di scherma nella quale potersi allenare con le leggende sportive. Nell'ambito delle iniziative estive del Resort Forte Village gli ospiti possono, per una settimana, avvicinarsi alla Pedana insieme alla Vezzali, e al tre volte campione del mondo Stefano Pantano, direttore tecnico delle Fiamme oro della polizia di Stato. Un'occasione per confrontarsi con sport e campioni in sicurezza, vista la politica covid-free adottata dalla struttura: all'ingresso infatti tutti gli ospiti e lo staff vengono sottoposti al test sierologico, un protocollo unico al mondo.

 "La scherma è lo sport più vincente della nostra Italia, non tradisce mai - dice la Vezzali - Siamo molto fantasiosi ed è proprio la nostra fantasia a renderci imprevedibili ed essere un'eccellenza nel mondo. La scherma - prosegue la campionessa  - è un piccolo gioiello della nostra Italia nei momenti importanti c'è e non ha mai tradito. Ho dato tanto ma sicuramente le mie colleghe, con le quali ho vinto tante gare, hanno preso il testimone e stanno facendo crescere le giovani. Speriamo che l'Olimpiade di Tokyo possa essere un' Olimpiade della rinascita".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata