Ryanair taglia le toilette, si scommette sui posti in piedi
Prima di allacciare le cinture, passare per la toilette: la compagnia di voli low cost Ryanair sta valutando l'ipotesi di tagliare in numero dei bagni a bordo degli aerei per recuperare spazio e ricavare 6 posti in più. In questo modo, i passeggeri beneficerebbero di un taglio del 5% sul prezzo del biglietto, con lo svantaggio di poter utilizzare (in 200) l'unica toilette a bordo. La novità potrebbe essere introdotta sui voli di breve durata, per poi essere estesa alle tratte più lunghe che, comunque, non superano le 4 ore. Non è la prima volta che Ryanair propone misure fin troppo restrittive per i passeggeri, così i bookie hanno ironicamente scommesso sulle prossime trovate: la possibilità che la compagnia low cost introduca i posti in piedi, come sugli autobus, è quotata a 2,20, subito seguita dall'ipotesi delle toilette a pagamento, bancata a 4,00 e già presa in considerazione dal vulcanico presidente della compagnia, Michael O' Leary. Se invece dovesse essere approvato il taglio del numero dei bagni a bordo, per i passeggeri sarà inevitabile fare i conti con la lunga fila nel corridoio: la sigla irlandese, quindi, considera anche la possibilità che sia introdotta una lista di priorità (ovviamente a pagamento) per accedere alla toilette, che viene pagata 26 volte la posta. Meno probabile una tassa sul rotolo di carta igienica, bancata a 101. MSC/Agipro

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata