Rossi avverta la Samp: Milan forte anche senza Balotelli

Genova, 27 set. (LaPresse) - "Sembra strano dirlo ma contro la Roma ho visto dei miglioramenti e abbiamo le caratteristiche per poter giocare in questa maniera". Così Delio Rossi nel corso della conferenza stampa del venerdì, in vista del match di campionato contro il Milan. Questa maniera è il 4-4-2. Un modulo che Rossi mai aveva proposto per la sua Sampdoria ma che, alla vigilia della trasferta nella San Siro rossonera, il tecnico blucerchiato sembra intenzionato a riproporre, malgrado il risultato di mercoledì sera sia stato negativo.

"Quei pochi errori che facciamo li paghiamo a caro prezzo - sottolinea nella conferenza stampa riportata dal sito della Sampdoria -. Penso sia un discorso di attenzione e convinzione, di fiducia nel compagno. Non vorrei che ci focalizzassimo troppo sul sistema di gioco: in campo vanno undici giocatori e si portano punti a casa vincendo i duelli individuali". Rossoneri senza Balotelli, ma Rossi non vuole sentire parlare di vantaggi: "No, perché non credo che al suo posto giocherà un Primavera. Se non ci sarà Balotelli, ci sarà Robinho; se non ci sarà Robinho ci sarà Niang. Le grandi squadre si vedono da questo: possono far ruotare i giocatori".

Quindi il tecnico indica la strada per tornare in pista: "In questo momento, come nei film di Perry Mason, ogni cosa che dici può essere ritorta contro di te. Le parole non servono: il mio compito è quello di dare fiducia e serenità ai giocatori. In questo momento siamo obbligati a mettere i tappi di cera nelle orecchie, non ci sono altre strade. Ci facciamo soltanto del male se pensiamo all'anno scorso, a chi c'era e a chi non c'è più. Ora dobbiamo fare bene con questi giocatori: abbiamo un ciclo difficile e dopo 10 partite tireremo le somme". Capitolo classifica. "Di sicuro - spiega Rossi - se avessimo i due punti in più di Bologna, saremmo in linea di galleggiamento e non si parlerebbe in questi termini. A mio avviso l'unica partita che abbiamo toppato è il derby; le altre, pur con qualche difficoltà, ce le siamo giocate. È per questo che dico che, anche quest'anno, abbiamo le possibilità di centrare l'obiettivo".

Dopo il Milan verranno cinque scontri diretti che potranno dire molto sul campionato della Samp: "Cercando di ragionare partita per partita, ora dobbiamo pensare al Milan. Sulla carta sembra una sfida proibitiva ma dobbiamo andare a San Siro con la convinzione di giocare meglio di loro. Se giochiamo alla pari, perdiamo di sicuro. Questa gara è fondamentale, alle altre ci penseremo a tempo debito". Terza partita in sette giorni, l'eventuale assenza di Gastaldello potrebbe costringere Rossi a cambiare modulo. "Ho bisogno di fare l'allenamento e valutare le condizioni degli acciaccati. Oggi si prepara la partita, un'idea di base ce l'ho, poi voglio vedere. In rosa non abbiamo due o tre fenomeni che se mancano quelli dobbiamo stravolgere tutto: siamo una buona squadra se facciamo il nostro ma penso che nessuno sia insostituibile", conclude Rossi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata