Roma, Garcia: Vedrò la gara della Juve ma ciò che importa è battere Sassuolo

Roma, 5 dic. (LaPresse) - "Vedremo la gara di questa sera ma non importa, la cosa che importa è fare di tutto domani per prendere i tre punti". Il tecnico della Roma Rudi Garcia chiede attenzione ai suoi alla vigilia dell'impegno di campionato con il Sassuolo, preceduto questa sera dall'anticipo della Juventus sul campo della Fiorentina. "Voglio fare la mia strada, se vinciamo tutte le gare che possiamo vincere di sicuro avremo la ricompensa giusta - ha proseguito l'allenatore francese in conferenza stampa - Dobbiamo solo concentrarci su di noi, non contano i risultati degli altri. I campionati a 20 squadre sono sempre maratone, bisogna essere pronti per ogni gara, così si ottengono risultati importanti".

Garcia ha poi elogiato Juan Manuel Iturbe, che in questa prima parta di stagione sta incontrando qualche difficoltà. "Sta veramente bene in questo momento, l'abbiamo visto contro l'Inter, sta ritrovando la sua velocità ed esplosività, per lui e il suo gioco è fondamentale questa cosa - ha evidenziato - Dà sempre tutto in campo, lotta ma si mette subito a lavorare per la squadra prendendosi dei rischi come Gervinho". Parlando invece dei complimenti ricevuti da Roberto Mancini, l'allenatore giallorosso ha spiegato che "non so se faceva riferimento alla squadra o alla società, ma quando un grande allenatore come lui dice queste è incoraggiante perché vuol dire che siamo sulla strada giusta - ha proseguito Garcia - La difesa? Non abbiamo nessun problema, dobbiamo anche vedere le cose in un altro modo. Abbiamo avuto tanti infortunati, ho cambiato molte volte la squadra, è fantastica nel prendere pochi gol".

Qualora battesse il Sassuolo, la Roma si ritroverebbe con gli stessi punti dell'anno scorso. "Con tanti problemi e cinque gare di Champions in più da fare è davvero qualcosa di eccezionale per la Roma - ha sottolineato Garcia - Florenzi? E' un giocatore importantissimo per noi, è un giocatore prezioso per noi. Lui può fare una carriera come Totti e De Rossi, giocando sempre a Roma. Glielo auguro, vorrebbe dire che la Roma è all'altezza delle sue ambizioni, uno come lui penso voglia giocare in una squadra che vince dei titoli e noi siamo qui per questo", ha concluso il tecnico francese. Garcia ha parlato infine anche di Leandro Castan, reduce dall'operazione chirurgica per la rimozione di un cavernoma. "Leo sta bene, è uscito dalla terapia intensiva. Ci siamo scambiati dei messaggi questa mattina e il suo era già di uno che è pronto a tornare il più velocemente possibile - ha rivelato l'allenatore della Roma - Siamo contenti sia andato tutto bene per lui. Ora serve un po' di pazienza, andremo a trovarlo quando sarà possibile. Siamo tranquilli con Leo adesso e gli facciamo tanti auguri per il suo ritorno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata