Roma, Garcia: Juve? Giocheremo nostra partita con fiducia e ambizione

Roma, 4 ott. (LaPresse) - "Facciamo questo mestiere per giocare partite, è fantastico. E' il bello della partita di domani, ci sarà un confronto sul campo con grandi campioni in entrambe le squadra. Faremo di tutto come al solito per giocare la nostra partita con fiducia e ambizione". Così il tecnico della Roma Rudi Garcia in conferenza stampa ha presentato il big match di domani con la Juventus. "Noi giocheremo come fatto martedì (con il City, ndr) per mettere in difficoltà la Juventus sapendo che anche loro hanno dei punti di forza sicuramente - ha aggiunto il tecnico francese - La differenze rispetto della squadra di Allegri a Conte? Come tutte le squadre noi abbiamo le nostre debolezze così come loro, dovremo sfruttare questo. La loro posizione tattica in campo forse è più alta, e questo potrebbe aprire spazi più ampi per noi".

L'ex allenatore del Lille non vuole pensare alla gara persa a Torino l'anno scorso. "E' una nuova stagione, una nuova rosa, un nuovo campionato, non bisogna tornare al passato - ha evidenziato - Non serve a niente tornare indietro, noi siamo concentrati sul presente. Anche i giocatori che non possono giocare vogliono scendere in campo in questa partita. Turnover? Abbiamo avuto cinque giorni per riposare, saranno tutti con le energie piene". Garcia ha confermato le parole del collega Allegri che ha definito la partita non decisiva. "Ci sono tre punti da guadagnare ma non è che si decide il campionato in questa gara, vorrebbe dire mancare di rispetto all'altra squadra - ha sottolineato - Forse sul piano psicologico può essere un vantaggio, ma vedremo dopo la partita e dopo la sosta quando ripartirà il campionato. Io voglio finire bene questa serie di sette partite". Per il tecnico della Roma la Juventus rimane comunque la favorita per il titolo. "Che loro siano favoriti è ovvio, anche solo per questione di buonsenso - ha concluso - Quando una squadra non perde un giocatore, ne prende quattro di qualità e vince tre scudetti non può che essere la favorita".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata