Roma: esonerato Zeman, panchina ad Andreazzoli

Roma, 2 feb. (LaPresse) - E' durata 23 partite con il deludente bilancio di 10 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte l'avventura di Zdenek Zeman alla guida della Roma. Il tecnico boemo, giunto in estate come un Messia per unire ai punti pure lo spettacolo è stato sollevato dall'incarico dopo il pesante ko interno di ieri sera contro il Cagliari. La decisione era nell'aria ed è stata ratificata nel primo pomeriggio dopo una riunione fra i massimi dirigenti giallorossi, il dg Franco Baldini, il ds Walter Sabatini, l'ad Claudio Fenucci e il CEO Italo Zanzi punto di contatto con la proprietà americana ed il presidente James Pallotta. L'esonero di Zeman non è solo il fallimento del Boemo ma quello di tutta la società che, per il secondo anno consecutivo, ha clamorosamente sbagliato la scelta dell'allenatore a cui affidare una rosa che vale molto di più rispetto alla posizione di classifica attuale. 'Zemanlandia' si è vista solo a sprazzi, pezzi di partite dove la Roma è sembrata squadra vera a capace di lottare per la vetta. Troppo poco visti anche i tanti, troppi, momenti di blackout. "Era l'unica soluzione da prendere", ha spiegato Franco Baldini. Un frase che suona come una vera e propria ammissione di colpa.

Zeman paga soprattutto il rapporto complesso con Daniele De Rossi, utilizzato a singhiozzo, e la retrocessione di Stekelenburg a portiere di riserva. Il tecnico gli ha preferito Goicoechea che ieri sera lo ha tradito brutalmente con la 'papera' che ha dato il via alla goleada cagliaritana. Al momento la squadra è stata affidata ad Aurelio Andreazzoli, uomo che conosce bene le dinamiche di Trigoria, ma è già partito il toto allenatore. Questa volta la società non può più sbagliare. Il dilemma, al momento, è quello fra la scelta di un traghettatore come ad esempio Marco Giampaolo e quella di puntare su un tecnico a cui affidare un nuovo ciclo a lunga scadenza. In questo caso la scelta cadrebbe su Laurent Blanc. I mugugni della piazza intanto si sono trasformati in aperta contestazione. Quando i Sensi cedettero la Roma agli americani il popolo giallorosso sognava un futuro roseo invece, per ora, si trova costretto a guardare dal basso i cugini biancocelesti. In serata Zeman ha voluto salutare tutti con un breve comunicato sul suo sito ufficiale: "Mi dispiace per i tifosi della Roma, ho cercato di dare tutto", ha detto il boemo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata