Roma 2024, Malagò: Vedrò Renzi prima del 15 dicembre, noi secondi a nessuno

Montecarlo (Monaco), 9 dic. (LaPresse) - "Ho reso il premier Renzi da sempre partecipe di questa vicenda. Ha seguito la sua evoluzione da vicino sia per un fatto istituzionale, sia per un fatto di curiosità, sia per un fatto di indole sportiva. Ieri ci siamo sentiti e gli ho detto che tutto andava in questa direzione, era molto contento. Stasera quando torno a Roma lo chiamerò e lo vedrò sicuramente prima del 15". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine dell'Assemblea del Cio di Montecarlo dove sono stati approvati i 40 punti contenuti nell'Agenda 2020 voluta dal presidente del Cio, Thomas Bach, per rendere le candidature ai Giochi più sostenibili. "Se il 15 annuncerà la candidatura? Io non posso dire nulla di quello che dovrà dire lui - aggiunge Malagò - ma ho sempre detto che se cambiavano le regole il Coni era pronto a fare la sua parte".

"Si torna molti soddisfatti - argomenta il numero uno del Comitato Olimpico - mi sembra che abbiamo molta credibilità oggi. Quello che stiamo facendo, rapporti personali eccellenti, stima, simpatia, poi ovviamente stiamo con i piedi per terra e siamo molto realisti. Sappiamo i nostri problemi però sappiamo che abbiamo una grande opportunità che ci viene data". Secondo Malagò infatti, quella ormai sempre più probabile, di Roma: "E' una candidatura che piace. A Roma hanno piacere di venire tutti però devi dimostrare di essere credibile e vincente anche su altre cose. Pronti via non siamo secondi a nessuno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata