Rio, Italvolley da sogno: batte Usa e vola in finale per oro
Vittoria palpitante e degna di un film, con gli azzurri capaci di una rimonta pazzesca

Sei semifinali consecutive, sette complessivamente, e un sogno che manca da sempre. Ora a Rio de Janeiro quel sogno potrebbe diventare realtà: il primo oro olimpico, l'unico che manca alla sua ricchissima bacheca. Al termine di una partita epica, l'Italvolley batte gli Stati Uniti al tie-break, dopo un combattutissimo duello durato due ore e un quarto, e si regala la finalissima del torneo olimpico, la terza di sempre, 12 anni dopo quella di Atene conclusa con l'argento.

Vittoria palpitante e degna di un film, con gli azzurri capaci di una rimonta pazzesca sotto la spinta del pubblico del Maracanazinho schierato per la nostra Nazionale a suon di 'Italia! Italia!'. Il 3-2 (parziali 30-28, 26-28, 9-25, 25-22, 15-9) inflitto ai tostissimi americani, già battuti nella fase a gironi e 'trasformati' dopo quel ko servito da lezione, in un concentrato di emozioni è il passo per la terza finale olimpica della sua storia. Ora Zaytsev, monumentale contro gli avversari a stelle e strisce (15 punti e 5 ace), e compagni attendono domenica, alle 13 ora locale, la vincente della semifinale tra Russia e Brasile. In palio quel gradino più alto del podio che, dopo un terzo set disastroso, sembrava destinato a restare un tabù. Gli azzurri sono stati lucidi e bravi a rialzare la testa nel quarto e poi nel decisivo tie-break e centrare un successo importantissimo.

L'avvio per gli azzurri è in salita e gli americani riescono a prendere il largo senza troppa difficoltà. L'Italia, costretta ad inseguire, appare troppo contratta, soffre dannatamente in difesa ed in più deve fare i conti con la caviglia destra malconcia di capitan Birarelli. Giocano con grande scioltezza invece gli Usa che collezionano muri vincenti. Una magia di Giannelli regala la scossa che mancava e porta l'Italia, in svantaggio di sei, a -3. Ormai liberati dalle paure, la rimonta si completa e gli azzurri vanno sul 23-23 trascinando il set ai vantaggi. In un finale di set vietato ai deboli di cuore, incitati al tifo indiavolato del Maracanazinho, Zaytev e compagni riescono ad annullare ben cinque set point. E chiudono al loro primo: l'ace di Birarelli vale il 30-28 azzurro. Decisamente più equilibrato l'inizio del secondo set.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata