Rio 2016, Fiamingo argento nella spada: è prima medaglia italiana. Oro alla Szasz
L'azzurra è stata sconfitta 15-13 dalla rivale ungherese. Renzi esulta: "Viva Rossella, possiamo solo dirle grazie"

Rossella Fiamingo regala all'Italia la prima medaglia d'argento alle Olimpiadi di Rio de Janeiro. L'azzurra è stata sconfitta nella prova individuale di spada in finale dalla ungherese Emerse Szasz per 15-13. 

La catanese aveva raggiunto la finale dopo aver battuto con una clamorosa rimonta la cinese Sun Yiwen per 12-11 al golden touch. Alla sua seconda Olimpiade, Fiamingo, vincitrice dei Mondiali 2014 e 2015, migliora il settimo posto che aveva ottenuto a Londra 2012. Sfuma sul più bello il sogno dell'oro numero 200 per gli Azzurri nella storia dei Giochi.

"L'Olimpiade è l'obiettivo principale per un atleta: partecipare è bellissimo, vincere una medaglia vuol dire entrare nella storia ed è quello che ho fatto", ha dichiarato Fiamingo. "È stato un anno difficile, ringrazio la mia famiglia e il mio maestro. Tutte le persone che mi hanno seguito e tutti gli italiani", ha aggiunto emozionata la spadista siciliana ai microfoni della Rai. "Resta l'amaro in bocca per l'oro mancato, quindi non mi fermerò qui perché voglio fare dei record", ha concluso Fiamingo.

"Rossella è stata bravissima. Stamattina avremmo firmato per un argento poi in finale sull'11-7 ci abbiamo creduto ma la scherma è così. Comunque viva Rossella, una ragazza molto tosta, per averci dato la prima medaglia possiamo solo dirle grazie". Questo il commento del premier Matteo Renzi dopo aver assistito a Rio de Janeiro alla finale . Con lui il presidente del Coni Giovanni Malagò ed anche il presidente di Fca John Elkann.

Renzi ha parlato anche di Vincenzo Nibali dopo la notizia della clavicola rotta. "Ho saputo che si è fatto male", ha detto dispiaciuto mimando con le mani il gesto di voler mandare un sms di incoraggiamento allo 'Squalo' di Messina.

Grande contentezza per il traguardo anche da parte del Coni, che festeggia la prima medaglia con un tweet pieno di gioia.

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata