Rio2016, Schwazer al Tas. Lo staff: Clima da Santa Inquisizione
I legali: "Siamo convinti di avere ragione, e siamo qui per trovare un giudice che ce la dia"

"E' iniziata l'udienza. Abbiamo risolto il primo problema del collegamento via Skype da Roma con i nostri periti e testi, per noi molto importanti, che sono stati accettati. Si trovano in una sala del Coni dove ci sono pure i rappresentanti della Nado Italia. Siamo invece in attesa  di una risposta per l'accettazione del power point preparato dal professor Donati per la sua testimonianza. E' fondamentale per spiegare dati che a parole sarebbero complicati ed avrebbe anche un impatto visivo". Questo il racconto di Giuseppe Sorcinelli, avvocato membro dell'entourage di Alex Schwazer a Rio de Janeiro, dove l'atleta si trova in udienza davanti al Tas in merito al suo caso di positività al doping che al momento gli preclude la partecipazione ai Giochi.  "Il clima è da 'Santa Inquisizione' - ammette - ma questo non vuol dire nulla. Siamo convinti di avere ragione, e siamo qui per trovare un giudice che ce la dia". Grande attenzione da parte dei media non solo italiani ma anche internazionali presenti sotto al grattacielo dove al 31esimo piano si svolge l'udienza.

Risolto pure il problema della lingua. E' stata accettata infatti la difesa da parte dell'avvocato Brandstsetter in tedesco con traduzione in inglese. "Ci è sembrato giusto visto che il presidente del collegio è austriaco (Michael Geistingler, ndr) ed anche l'arbitro indicato dalla Iaaf è svizzero", spiega ancora Sorcinelli. "Abbiamo affrontato una spesa non indifferente per essere qui in 6-7 persone. Siamo arrivati ieri e la sola speranza che abbiamo e non ripartire domani".

"Abbiamo visto Alex sereno, motivato e determinato come prima di una gara. Di solito le gare le vince, speriamo vinca anche questa", ha aggiunto Sorcinelli in una pausa dell'udienza al Tas a Rio, dopo due ore di dibattimento. "I giudici hanno accolto la deposizione del professor Donati - argomenta - anche se non è stato ancora deciso se ammettere o meno l'utilizzo del videoproiettore per l'esposizione della sua testimonianza, che credo verrò concesso". Prima della testimonianza di Donati, saranno ascoltati i testi della Iaaf che ribadiranno la regolarità del prelievo effettuato a Racines e del suo trasporto al laboratorio. Dopo sarà la volta degli esperti della difesa. L'ultimo a parlare sarà Schwazer. I tempi si annunciano piuttosto lunghi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata