Qual. Euro 2016, Kovac pensa a rinvio Italia-Croazia: Così palla non rimbalza

Milano, 15 nov. (LaPresse) - Cambio di programma per la Croazia, alla vigilia della sfida contro l'Italia valida per le qualificazioni a Euro 2016. A causa delle difficili condizioni del tempo e con lo stadio di San Siro allagato in alcune perti, il ct Niko Kovac ha preferito far disputare alla squadra solo un breve allenamento intorno al campo. E' la stessa federazione croata a riferirlo tramite il suo profilo Twitter, in cui sono state postate anche alcune immagini del manto erboso dello stadio Meazza zuppo di pioggia. "Se il meteo non cambia e il campo resta in queste condizioni, la palla non rimbalza", ha detto poi Kovac parlando in conferenza stampa. Secondo la stampa croata, gli organizzatori della partita starebbero anche valutando la possibilità di rinviare il match in caso di persistenza del maltempo su Milano.

Parlando della partita, invece, Kovac ha detto: "Siamo sempre ottimisti, anche se sappiamo che sarà difficile. Quasi nessuno è riuscito a battere l'Italia in casa. Sono una squadra molto buona con tanti bravi giocatori". Italia che potrà contare sui 60mila tifosi di San Siro. "I nostri giocatori sono abituati a questa atmosfera, abbiamo giocato anche in Bulgaria davanti ad uno stadio pieno", ha aggiunto. Croazia reduce dalla buona prova contro l'Argentina di Messi a Londra, schierando una formazione ricca di giovani. "E' importante per ogni squadre che chi non è titolare metta pressione su chi lo è. Questo è bello e mi fa piacere", ha concluso Kovac.

"E' una partita importantissima perchè sono le due migliori squadre del girone, domani penso ci giocheremo il primo posto", ha detto invece Mateo Kovacic, centrocampista della Croazia, parlando ai microfoni di Sky Sport a poche ore dalla sfida contro l'Italia valida per le qualificazioni a Euro 2016. "Chi vince domani penso avrà poi un grande vantaggio, noi faremo il nostro gioco e speriamo bene", ha aggiunto. Kovacic conosce bene lo stadio San Siro, dove negli ultimi tempi con la sua Inter è stato spesso fischiato dal pubblico. "Se domani mi fischiano non è importante, conta che la Croazia vinca", ha detto. Infine Kovacic ha dommentato brevemente l'esonero di Mazzarri e l'arrivo di Roberto Mancini all'Inter: "Ringrazio Mazzarri perchè ha fatto un buon lavoro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata