Prandelli: Pareggio giusto, sofferto troppo a inizio ripresa

Copenaghen (Danimarca), 11 ott. (LaPresse) - "Abbiamo sofferto soprattutto all'inizio del secondo tempo, per venti minuti abbiamo solo pensato a difendere. Questa squadra è abituata a giocare la palla, se perde l'abitudine del palleggio diventa anche vulnerabile". Così Cesare Prandelli ai microfoni Rai ha commentato a caldo il pareggio ottenuto contro la Danimarca nella sfida valida per la qualificazione al Mondiale in Brasile. "Loro anche hanno dato più di quello che potevano dare, eravamo su un campo difficile, ma il risultato è giusto - ha aggiunto il ct degli azzurri - Abbiamo fatto 35 minuti molto buoni, ci siamo abbassati 10 metri e abbiamo dato il vantaggio alla Danimarca di giocare su queste palle alte".

Adesso l'Italia dovrà battere l'Armenia per essere sicura di un posto tra le teste di serie al Mondiale in Brasile. "Troveremo una squadra agguerrita, ancora tutti hanno la possibilità di giocarsi il secondo posto - ha ammesso Prandelli - Ci sarà Balotelli? Non lo so, ce lo auguriamo, ha avuto un po' di febbre oggi, speriamo che domani stia meglio". In merito alla nuova tragedia di Lampedusa, l'ex allenatore della Fiorentina rivela che "l'abbiamo saputo subito prima della partita - ha detto - se c'è bisogno della Nazionale la Nazionale c'è, ma non penso che noi possiamo fare molto. In questo momento dobbiamo dare assistenza a queste persone disperate. Noi come Italia dovremmo fare qualcosa in più", ha concluso Prandelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata