Polemiche su Dinamo Zagabria-Lione, ma Uefa non apre inchiesta

Torino, 9 dic. (LaPresse) - Nessuna indagine su Dinamo Zagabria-Lione, almeno per adesso. L'autorità per la regolamentazione dei giochi on line francese (Arjel) ha annunciato di non aver trovato "nessuna anomalia particolare" sul mercato francese relativa ad eventuali flussi di giocate sulla gara di Champions League terminata con l'incredibile risultato di 7-1 per i francesi, qualificati agli ottavi per differenza reti a spese dell'Ajax. Lo riporta il portale del quotidiano francese 'L'Equipe'. "L'Arjel a proceduto a delle verifiche - si legge - alla luce delle analisi effettuate non sono state registrate anomalie sia rispetto al totale delle scommesse che rispetto alla loro dispersione". Dello stesso avviso anche l'Uefa, che ha annunciato di non avere intenzione di aprire un'indagine.

Nel primo pomeriggio il Lione aveva commentato con una nota sul proprio sito l'annuncio dell'Arjel di aver aperto un procedimento di verifica. "Il club - si legge - approva totalmente l'azione intrapresa quando un risultato sportivo è considerato atipico e deplora che i commenti su questa impresa incredibile non rimangano nel piano sportivo sia per l'Olympique Lione sia per tutto il calcio francese".

Nessuna anomalia nemmeno secondo il presidente dell'Uefa Platini. "Non c'è nessun dubbio riguardo l'integrità della partita e della competizione", ha detto a margine di una riunione del Comitato esecutivo dell'Uefa. "Bisogna sempre rispettare ciò che accade in campo" ha aggiunto. "Non è che ci si aspetta la qualificazione solo perché sei un grande nome. Non sono felice né triste. Non si tratta di ciò che è buono o cattivo, si tratta di ciò che accade in campo e che dev'essere rispettato".

L'Ajax però non ci sta e promette battaglia. "Vogliamo una risposta da parte dell'Uefa", chiede il direttore generale del club, Martin Sturkenboom, sul sito web dei Lancieri. "Non ci aspettiamo che cambi il risultato finale, ma non fare nulla sarebbe un errore". "Il fair play è fondamentale, la gente vuole sapere che non è successo niente di strano", ha aggiunto il dirigente dell'Ajax.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata