Pioli avverte la Roma: Questa Lazio è ambiziosa, non firmo per un pareggio

Roma, 10 gen. (LaPresse) - "Vogliamo provare ad essere ambiziosi e provare a fare qualcosa di importante. Fare bene al derby significherebbe mettere qualcosa in più nella nostra stagione". Stefano Pioli, allenatore della Lazio, presenta così l'attesa stracittadina con i giallorossi in programma domani pomeriggio. "Giocheremo la partita da Lazio", assicura in conferenza stampa il tecnico, aggiungendo: "E' quello che ci abbiamo messo per arrivare in questa posizione e vogliamo cercare di mantenerla fino alla fine. Non vogliamo cambiare la nostra mentalità e il nostro approccio. Abbiamo ancora difetti ma abbiamo anche pregi che dobbiamo cercare di esaltare".

Nelle file biancocelesti mancherà l'infortunato Lulic, già 'uomo derby': "Con i giocatori che ho e le loro caratteristiche possiamo mettere in campo sicuramente una squadra equilibrata", garantisce Pioli. "Come tante altre volte - aggiunge - potremo avere posizioni diverse in fase di costruzione e in fase di non possesso. Quello che conta è sempre l'equilibrio, gli atteggiamenti e la voglia di fare la partita. Questo deve succedere anche domani". "Se per battere la Roma servirà più testa o cuore? Sono due fattori che sono determinanti in qualsiasi partita", sottolinea il tecnico biancoceleste. "Servono le qualità, ma abbiamo capito che il talento da solo non basta. Serve lucidità, cuore e generosità, tutte caratteristiche che fanno parte del nostro dna e dei nostri pregi. Per battere un avversario di livello con tanti pregi ed alcuni difetti - aggiunge - bisogna giocare al massimo sia di testa che di cuore". Come tutte le stracittadine, le aspettative nel pubblico sono altissime: "E' normale - dice Pioli - che i romani la vivono diversamente, sono abituati. Dal primo giorno i tifosi mi hanno fatto capire quanto significa il derby. Posso dire che è emozionante, bello e sono contento di viverlo insieme ai miei giocatori e ai miei tifosi".

Ai suoi giocatori, spiega ancora il tecnico, "ribadirò i nostri concetti e che dobbiamo giocare da Lazio. Abbiamo sempre giocato per cercare di affrontare partita per partita e portare a casa il miglior punteggio possibile. Così faremo anche domani, è l'unico modo per mantenere il terzo posto". "Se firmerei per un pari? No, perché la nostra mentalità è un'altra, è quella di cercare di vincere ogni partita", puntualizza Pioli, che in merito al ballottaggio Klose-Djordjevic per l'attacco, chiarisce: "Stanno bene entrambi e sono contento di poter scegliere, è importante chi inizierà ma sapete quanto sia importante cambiare la partita e inserire giocatori di livello per forzare la gara. Sono tranquillo sul fatto che si faranno trovare pronti". La Roma non prende reti da quattro giornate: "Sono un po' troppe", commenta l'allenatore della Lazio che poi elogia il collega Garcia: "Sta facendo un ottimo lavoro ed è sotto gli occhi di tutti. Non so se ha portato qualcosa di nuovo. A livello tattico e tecnico siamo evoluti in Italia. La sua squadra gioca un buon calcio e sta facendo un buon lavoro". "Chi tra Roma e Lazio ha più da perdere? Entrambe", risponde Pioli. "Noi vogliamo mantenere il terzo posto e vincere il derby. Loro hanno obiettivi importanti, ma anche noi. Non ci sono differenze".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata