Petkovic: Hernanes ko? Nessuno indispensabile in questa Lazio

Roma, 2 feb. (LaPresse) - "Hernanes? Chi manca ci manca ma nessuno è indispensabile. Noi dobbiamo proseguire la strada sempre al massimo e con tanta fiducia". Così Vladimir Petkovic nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro il Genoa. Parlando ancora delle condizioni fisiche del brasiliano, il tecnico biancoceleste ha aggiunto: "Per Hernanes si saprà meglio mercoledì, leggere insinuazioni con tanti punti di domanda è inutile. Spero che torni sano, senza alcuna complicazione, sono sicuro che tornerà l'Hernanes di sempre, si sente già meglio. Domani non conta con quante punte giochiamo, ma la mentalità della squadra".

Petkovic non si nasconde ed è consapevole che la vittoria sulla Juve può essere una spinta in più nella "convinzione che possiamo vincere contro tutte le grandi squadre". Poi si passa a parlare degli avversari: "Contro il Genoa ci vuole carattere e gamba, in casa non hanno avuto molta fortuna, ma non ha mai demeritato. L'importante è che noi ritorniamo sul nostro gioco, ultimamente non siamo ancora tornati ai livelli di qualche mese fa. Sarà una partita molto importante e molto dura. Per il Genoa sarà una gara per raccogliere punti e mi aspetto una squadra volenterosa, aggressiva dall'inizio ma tocca a noi dimostrare di essere quella che sta davanti".

Petkovic si aspetta "di vedere la vera Lazio ogni partita. Quella di domani è la più importante. Vediamo di ritrovare la condizione fisica per essere al top nei prossimi 3-4 mesi. Le prossime gare sono imoportanti ma non decisive". Poi al tecnico bosniaco viene chiesto un giudizio sul nuovo acquisto Pereirinha. "E' presto, prima si dve inserire negli schemi. Non dobbiamo fare pressioni su di lui. Ci ho parlato, gli ho detto che c'è un gruppo sano e positivo che lo aiuterà a crescere e ad inserirsi. Diamogli tempo e poi vedremo tutto il suo valore". Infine Petkovic si dice "contento che sia finito il mercato, ci sono state troppe voci, troppa benzina sul fuoco. Ora mi concentro sui prossimi mesi che saranno molto importanti come faranno anche i miei colleghi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata