Pennetta: Italia non è in crisi ma serve tempo per ricostruire
Le brutte prestazione degli Azzurri agli Internazionali di Roma non fanno temere una crisi del movimento alla tennista

Le brutte prestazione degli Azzurri agli Internazionali di tennis di Roma non fanno temere una crisi del movimento a Flavia Pennetta. La brindisina, dopo aver trionfato all'ultimo Us Open, ha deciso di ritirarsi ed al Foro Italico è stata premiata per i suoi successi dalla Wta. "Italia del tennis crisi o solo una causalità? E' un caso  - dice - i ragazzi hanno dimostrato che stanno giocando bene, abbiamo già vinto qualche torneo quest'anno. Il tennis è un po' cosi' ci sono delle settimane dove va bene altre meno".

Ad avere delle prospettive fosche sembra essere soprattutto il settore feminile dove manca ad oggi un vero ricambio generazionale. "Sarà difficile riconfermare cosa abbiamo creato noi in questi dieci anni di carriera personalmente e come squadra - racconta - bisogna fermarsi, ricostruire, ripartire da zero e poi torneranno i risultati". Ieri anche Roberta Vinci ha paventato il ritiro: "Se faccio venire voglia alle colleghe di ritirarsi pure loro? No, no - conclude ridendo - Roberta deve durare ancora un pochino".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata