Parma, Gobbi: Fiduciosi verso nuova proprietà, altrimenti ci tuteleremo

Parma, 12 feb. (LaPresse) - "Diamo fiducia alla nuova proprietà, perché possiamo fare solo questo. Come abbiamo sentito in questi mesi tante chiacchiere, attendiamo ora i fatti. Vedremo in questi giorni. La nuova proprietà ci ha detto che rispetterà la scadenza del 16 febbraio. E' quella la data più importante. Per tanti motivi". Il difensore del Parma Massimo Gobbi all'indomani della sconfitta casalinga in campionato contro il Chievo Verona ha parlato della situazione difficile che sta attraversando la squadra emiliana, dentro e fuori dal campo. "Il nostro stato d'animo è quello che ci chiedono tutti e che chiediamo a noi stessi: continuare a lavorare con professionalità e dignità - ha proseguito il vicecapitano del Parma intervenendo a margine della sua partecipazione alla tappa parmigiana de 'Il CalciaStorie', l'iniziativa organizzata da Lega Serie A Tim e Uisp nelle scuole per educare contro razzismo e violenza - Questa storia ce la porteremo sempre dentro e farà crescere tutti noi come uomini. E' questo il modo giusto per affrontare la nostra situazione di squadra e societaria. Sotto questo punto di vista aspettiamo fiduciosi".

Se le cose non dovessero andare nel migliore dei modi, i giocatori sono pronti ad intervenire. "A livello sportivo continueremo ad allenarci e a giocare rispettando i nostri impegni, come abbiam sempre fatto. A livello legale ci tuteleremo - ha rivelato Gobbi - E' già tutto disposto con la nostra associazione, l'Aic, perché noi ci dobbiamo tutelare. Sono stati mesi difficili. L'importante è che non succeda più nel calcio italiano una vicenda del genere". Parlando sotto il profilo tecnico, "noi le responsabilità ce le siamo sempre prese, perché giochiamo noi. Sicuramente abbiamo sbagliato in campo, perdendo le partite, però ultimamente, ma anche prima, ci abbiamo messo sempre tutto l'impegno che ci dovevamo mettere - ha assicurato il giocatore degli emiliani - A livello societario le responsabilità sono di altri. Se qualcuno ha sbagliato lo sa e penso che si prenda le proprie responsabilità. Spero che in questi giorni si risolva tutto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata