Nuoto, Europei: Subito grande Italia, sul podio Pizzetti e staffette

Debrecen (Ungheria), 21 mag. (LaPresse) - E' subito grande Italia nella prima giornata dei campionati europei di nuoto a Debrecen. Dal punto di vista individuale Samuel Pizzetti ha conquistato la medaglia di bronzo nei 400 stile libero. L'azzurro ha chiuso in 3'48"66. La gara è stata vinta dal campione tedesco Paul Biedermann in 3'47"84 davanti all'ungherese Gergo Kis 3'48"09. "E' il risultato di un anno difficile di allenamenti impegnativi. Non volevo lasciar perdere il sogno olimpico e quindi sapevo di dover tirare fuori l'anima", ha spiegato a fine gara. "Era la mia prima finale europea sui 400 ed è un ottimo risultato - ha aggiunto - gran parte del successo è da dedicare alla federazione che mi è stata vicina. Due mesi fa nessuno avrebbe scommesso un euro su di me".

Successivamente è toccato alle staffette 4x100 stile libero tingere l'acqua di azzurro. L'Italia maschile ha conquistato il secondo posto. Il quartetto composto da Andrea Rolla, Marco Orsi, Michele Santucci e Filippo Magnini ha chiuso con il crono di 3'14"71 arrendendosi solo alla Francia (3'13"55). Terzo posto per la Russia in 3'15"13. Un risultato che soddisfa il capitano Filippo Magnini: "Siamo venuti qui con l'intenzione di prendere una medaglia e l'argento va benissimo. I francesi sono stati bravissimi e complimenti a loro", ha detto il pesarese.

Bravissime anche le ragazze che hanno conquistato il bronzo con tanto di nuovo primato italiano battendo quello datata Pechino 2008 con i costumi 'gommati'. Il quartetto azzurro formato da Alice Mizzau, Federica Pellegrini, Erica Buratto ed Erika Ferraioli ha fermato il cronometro sul 3'39"84. Meglio di loro hanno fatto la Germania (3'37"98) e la Svezia (3'38"40). "Siamo molto contente del risultato. Una bella medaglia per cominciare questo europeo. Sono contenta anche della mia frazione", ha detto Federica Pellegrini. "Dedichiamo questa medaglia alle vittime del terremoto dell'Emilia", le ha fatto eco Erica Buratto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata