Nba, senza fine la crisi di New York: Knicks cadono a Washington. Bene Detroit

Roma, 8 gen. (LaPresse) - Non sembra avere fine la crisi dei New York Knicks. a Washington la formazione della 'Big Apple' incassa la 13esima sconfitta consecutiva arrendendosi 101-91 ai padroni di casa dei Wizards. Per i Knicks, privi tra gli altri di Carmelo Anthony ed Andrea Bargnani causa problemi fisici, è la sconfitta numero 23 nelle ultime 24 partite, record negativo di franchigia. Sono 13 le battute d'arresto consecutive anche quelle collezionate dai Minnesota Timberwolves, superati 113-111 dai Phoenix Suns trascinati dai 25 punti di Goran Dragic. Scoppiano invece di salute gli Atlanta Hawks che contro i Memphis Grizzlies incamerano la sesta vittoria consecutiva. Finisce 96-86 con 25 punti di Jeff Teague. Ancora meglio va Detroit. Per i Pistons (Datome out, ndr) arriva la settima affermazione in fila, 108-95 nei confronti dei Dallas Mavericks.

I 38 punti, massimo in carriera, di Kyrie Irving non bastano invece a Cleveland per superare gli Houston Rockets. La sfida se la aggiudicano i texani 105-93 con 21 punti di James Harden. Nelle altra sfide gli Charlotte Hornets battono 98-94 i New Orleans Pelicans mentre i Milwaukee Bucks, con Brandon Knight a 18 punti, violano 97-77 il campo dei Philadelphia 76ers. Giornata positiva pure per i Boston Celtics che stoppano una serie di 3 ko consecutivi battendo 89-81 i Brooklin Nets mentre gli Utah Jazz si sbarazzano 97-77 dei Chicago Bulls. Blake Griffin (27 punti), invece, è il grande protagonista del derby di Los Angeles vinto dai Clippers 114-89 sui Lakers mentre Klay Thompson (40 punti) è l'eroe nella vittoria dei Golden State Warriors per 117-102 sugli Indiana Pacers. Vincono infine anche Denver dell'assente Gallinari, 93-90 sugli Orlando Magic e Sacramento, 104-83 contro gli Oklahoma City Thunder.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata