Nba: azzurri tutti sconfitti, Durant da record con 54 punti trascina i Thunder

New York (New York, Usa), 18 gen. (LaPresse/AP) - Non sorridono gli azzurri impegnati nelle gare Nba di questa notte. Sia San Antonio che New York che Detroit perdono infatti rispettivamente contro Portland, Los Angeles Clippers e Utah. Andrea Bargnani si ferma a 13 punti in 36' (5/10 da due, 0/2 da tre, 3/4 ai liberi) con 6 rimbalzi, 1 assist e 1 stoppata nella sconfitta degli Knicks in casa contro i Clippers. Priva di Stoudamire e Martin, la squadra della 'Grande Mela' resiste per due quarti, prima di crollare sotto i colpi di Griffin, autore di 32 punti, e di Crawford, che si ferma a 29. Inutili i 26 punti di Carmelo Anthony e di JR Smith.

Cadono anche gli Spurs contro i Trail Blazers (109-100). Marco Belinelli in 36' di impiego realizza 14 punti (3/6 da due, 2/5 da tre, 2/4 ai liberi), con 2 rimbalzi e 4 assist. Un Manu Ginobili in gran spolvero, che realizza la propria miglior performance stagionale con 29 punti, non basta a San Antonio, che non trova un contributo all'altezza degli altri due 'Big Three' Tim Duncan (13) e Tony Parker (12), con soli 8 punti realizzati complessivamente nella seconda parte di gara. Portland prevale grazie ai 26 punti e 13 rimbalzi di LaMarcus Aldridge e ai 24 punti di Wesley Matthews. Ottima partita anche di Damian Lillard con 21 punti e 8 assist. Sconfitta anche per i Pistons contro sul parquet di casa contro Utah. Gigi Datome ritrova il campo segnando 4 punti (1/1 da due, 2/2 ai liberi) in 5' di gioco ma Detroit in giornata no cede 110-89. Inutili i 21 punti di Rodney Stuckey, al cospetto dei 20 di Trey Burke (con 12 assist) e dei 18 di Enes Kanter.

Nelle altre gare della notte, uno strepitoso Kevin Durant realizza la miglior prestazione stagionale della sua carriera con 54 punti contribuendo pesantemente nella vittoria dei Thunder (127-121) su Golden State. Durant ha tirato con 19/28 dal campo e 11/13 ai liberi segnando per la terza gara di fila almeno 36 punti. Buona gara anche di Serge Ibaka con 21 punti e 8 rimbalzi, mentre ai Warriors non sono serviti i 37 punti con 11 assist di Stephen Curry. Vittoria agevole invece per i Miami Heat su Philadelphia, dopo tre sconfitte consecutive. LeBron James sfiora la tripla doppia con 21 punti, 10 assist e 8 rimbalzi, Chris Bosh aggiunge 25 punti. Vai ai Lakers invece la sfida tra 'nobili decadute' con i Celtics, che riabbracciano dopo un lungo infortunio al ginocchio Rajon Rondo. Pau Gasol trascina i gialloviola al successo (107-104) con 24 punti e 13 rimbalzi, ben supportato anche da Kendall marshall con 19 punti e 14 assist. Per Rondo, che è rimasto 20 minuti sul parquet, 8 punti, 4 assist e 2 rimbalzi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata