Nazionale, ct Conte in visita a Empoli: Bella realtà che fa crescere giovani

Empoli (Firenze), 12 dic. (LaPresse) - "Ho voluto visitare una bellissima realtà ed una società che sta lavorando bene con i giovani, giovani che sono il presente ma soprattutto il futuro". Queste le parole rilasciate dal ct della nazionale italiana Antonio Conte al termine della sua visita ad Empoli all'interno nel tour di visita delle squadra di Serie A. "È stato per me un piacere venire ad Empoli: ho trovato un ambiente dove c'è serenità e la giusta voglia di lavorare: qui c'è la giusta filosofia e la società ha da sempre preso questa direzione - ha spiegato l'ex allenatore della Juventus, le cui parole sono state riportate dal sito ufficiale del club toscano - Per fare ciò è necessario curare con particolare attenzione il settore giovanile, far crescere i giovani e avere la forza di portarli in prima squadra".

Conte, insieme al team manager della nazionale Gabriele Oriali, ha prima incontrato il presidente azzurro Fabrizio Corsi, col quale ha pranzato al Centro Sportivo di Monteboro. In seguito Conte è arrivato al Castellani, dove, prima dell'inizio della seduta pomeridiana, si è intrattenuto col direttore sportivo Marcello Carli e col tecnico Maurizio Sarri. "Le nostre visite servono per monitorare tutti i calciatori: ho ritrovato ragazzi che conoscevo come Rugani, già dalla Juventus, o Croce - ha spiegato il ct dell'Italia - Da parte nostra c'è massima attenzione verso tutti, e ognuno deve sapere che ci può essere posto per tutti e la nostra speranza è che si ritrovi quella voglia e quell'entusiasmo di vestire la maglia azzurra". L'ex allenatore bianconero ha poi elogiato il collega Maurizio Sarri. "Sta facendo un gran lavoro, valorizzando molti italiani: penso a Valdifori o Tonelli, oppure a Verdi che è uno di quei talenti che può ancora crescere molto. Ma in generale faccio i complimenti a tutti: al mister, alla società e al presidente che stanno dimostrando che se si lavora bene poi i risultati arrivano", ha concluso Conte.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata