Mourinho tentato dai grandi club, ma per i bookie resta a Madrid
ROMA - Mourinho è sotto accusa al Real Madrid a causa di un inizio di campionato altalenante. Il distacco con la capolista Barcellona è già di 11 punti e per molti la panchina del portoghese inizierebbe a scricchiolare. Nonostante le pesanti critiche, l'affetto e la stima dimostrata dai tifosi sembrerebbero far placare i rumors su un addio ad agosto 2013. I bookie quotano a 1,70 la possibilità che il portoghese confermi il suo contratto con il Real Madrid. Neanche Carlo Ancelotti naviga in acque tranquille. Un Ibrahimovic in ottima forma non basta al Paris Saint Germain per guidare il campionato francese, con la squadra che si ritrova a cinque punti dalla vetta (in testa il Lione a 31 punti). Per la Qatar Investment Authority, proprietaria della squadra francese, non rappresenterebbe un problema permettersi il lusso di mettere da parte l'allenatore italiano per ingaggiare Mourinho, possibilità offerta a 10,00. I quotisti non sottovalutano la passione di Josè per il calcio inglese e reputano ipotesi concrete l'eventuale atterraggio del mister a Manchester - sia sponda United (5,00), sia City (9,00) - oppure un ritorno a Londra per guidare di nuovo il Chelsea (9,00). Il portoghese ama stupire e pur essendo l'unico allenatore ad aver vinto il campionato in Inghilterra (Chelsea), Italia (Inter) e Spagna (Real Madrid) potrebbe accettare la sfida tedesca. La strada che porta in bundesliga alla guida del Bayern Monaco vale 15,00 volte la posta, mentre il ritorno a Milano alla corte del presidente dell'Inter, Massimo Moratti, è bancato a 17,00. In bacheca troviamo anche le quote relative ad altre destinazioni: Cska Mosca e Zenit (entrambi a 25,00), Milan e Juventus (entrambe a 30,00), Liverpool a 35,00, Barcellona a 40,00, Arsenal e Porto (entrambi a 50,00), Benfica e Sporting Lisbona entrambi a 80,00 e Dinamo Zagabria a 1.000. L'eventualità che il futuro di Mourinho sia in un altro club non inserito in elenco vale 4,50 volte la posta. RED/Agipro

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata