MotoGp, Marquez: Mia mano sempre tesa per darla a Rossi

Valencia (Spagna), 10 nov. (LaPresse) - "Sono completamente in disaccordo con le parole di Valentino, che ha criticato me, Dani (Pedrosa, ndr), Jorge (Lorenzo, ndr), la Honda, la Dorna e la Fim. Ma in futuro la mia mano sarà sempre tesa per dargliela". Così Marc Marquez torna sulle polemiche per l'epilogo del Mondiale della MotoGp a Valencia. Il pilota della Honda ha parlato ai media spagnoli al termine della giornata odierna di test. "Penso, onestamente, che quando saranno passati un paio di giorni o un mese, quando Valentino avrà passato un po' di tempo a casa, senza tanta tensione, si renderà conto di tutto", ha aggiunto.

"Le ultime settimane e ora sono stati difficili". Non sono felice dalla Malesia. Non mi sento a mio agio in questa situazione. E' sorprendentemente tutto quello che è accaduto in Malesia dopo la vittoria in Australia. Era difficile mantenere la concentrazione a Valencia. Io non sono stupido e sapevo che se non avessi vinto mi sarei trovato in questa situazione. Purtroppo, Jorge ha fatto una grande gara", ha ribadito Marquez.

Tornando su Rossi, il pilota della Honda ha ricordato: "Valentino è il crack di questo campionato, quello che ha più curriculum, è il pilota leggenda di oggi. È l'essenza del motociclismo. Uno deve ammirare lui, ma anche gli altri", ha continuato. "Ancora sento tanta pressione, è una sensazione rara ma ho coscienza tranquilla. Questo è molto importante per dormire. Ho dato il 100 per cento in pista ed è quello che penso", ha concluso Marquez.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata