MotoGp: In Spagna una cavalcata trionfale per Valentino Rossi
Il Dottore, partito in pole, ha sbaragliato il compagno di squadra campione del mondo e Marquez

Senza un attimo di respiro. Primo nelle qualifiche, primo dal primo giro, primo al momento di tagliare il traguardo, insomma assolutamente primo: Valentino Rossi ha dominato il Gran Premio di Spagna, sul difficile circuito di Jerez, in sella alla sua Yamaha numero 46. Non ce n'è stata per nessuno: nè per Jorge Lorenzo, il compagno di squadra davvero poco amato; né per Marc Marquez, con la Honda, che aveva trionfato nell'ultima corsa; né per Dani Pedrosa, altro spagnolo della Honda, quarto e distaccatissimo. No, non ce n'è stata proprio per nessuno, in maniera che la prestazione del Dottore potesse subito assumere le connotazioni di una cavalcata trionfale e, pure, di un monito lanciato alla concorrenza. Valentino non ha intenzione di mollare, anzi è intenzionato a prendersi ciò che qualcuno gli ha scippato l'anno scorso.

Rossi ha tagliato il traguardo in impennata, davanti ai suoi meccanici e al pubblico letteralmente impazzito, una incredibile e rumrosa marea gialla, in considerazione del fatto che si correva nella terra del nemico, anzi dei nemici. In fondo, Rossi è Rossi, un campione trasversale. Il resto del giro d'onore il fenomeno di Tavullia lo ha compiuto seduto sul serbatoio, con una gamba accavallata, in totale relax agonistico. La 113esima vittoria in carriera, del resto, va considerata anche alla luce di cosa è accaduto in settimana con l'annuncio del passaggio in Ducati di Lorenzo: è come se la Yamaha avesse scelto Vale per dare l'assalto al titolo, unico antagonista di Marquez, oggi un po' in ombra ma sempre pericolosissimo, tornato ai box in motorino dopo aver finito la benzina.

Ora sono 24 i punti di distacco proprio da Marquez, un riavvicinamento significativo, in attesa del prossimo Gp a Le Mans, una pista indigesta per Valentino. La caccia al Mondiale è appena cominciata, malgrado i tre moschettieri della Moto Gp abbiano le idee chiare e una idiosincrasia congenita uno per l'altro. Dubitiamo però che qualcuno possa approfittare di una situazione sempre tesa (bastava guardare le facce al momento della premiazione: ignorarsi la regola unica e inderogabile). Le ambizioni della Ducati sono evaporate con il problema tecnico di Dovizio - costretto al ritiro - con Iannone incapace di buttare le ruote ai piani alti della corsa.

La sensazione? Che conviene attrezzarsi a vederne delle belle, là dove Valentino sarà protagonista a prescindere, lui in mezzo ai soliti due spagnoli. Con un'idea: che la Yahama, forse, da qualche giorno abbia un cuore più italiano...
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata