MotoGp, Catalogna: pole a Pedrosa, Lorenzo 3°. Delusione Rossi: 7°

Montmelò (Spagna), 15 giu. (LaPresse) - Dani Pedrosa ha ottenuto la pole nel Gran Premio di Catalogna, sesta prova del mondiale MotoGp. Lo spagnolo della Honda ha concluso le qualifiche con il miglior tempo, 1:40.893. In prima fila scatteranno anche il britannico Cal Crutchlow (Yamaha Tech3), staccato dal leader di classifica di 608 millesimi, e l'altro spagnolo Jorge Lorenzo (Yamaha), terzo a 0.673.

Per Pedrosa, autore di un giro da record a quattro minuti dal termine delle qualifiche, si tratta della seconda pole consecutiva dopo quella ottenuta al Gran Premio d'Italia del Mugello. La seconda fila sarà composta dalla Honda dello spagnolo Alvaro Bautista (1'41.714), dalla Ducati dell'americano Nicky Hayden (1'41.800) e dalla Honda dello spagnolo Marc Marquez, sesto con 1'41.842. Valentino Rossi scatterà dalla settima posizione, dopo aver ottenuto appena il settimo tempo (1'41.959) nonostante i confortanti progressi fatti registrare nelle libere. Il pilota della Yamaha sarà affiancato in terza fila dai connazionali Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, entrambi su Ducati. Chiude la top ten il tedesco Stefan Bradl (Honda), autore del decimo tempo.

PEDROSA - "Oggi abbiamo fatto dei miglioramenti ai moto ed è andata meglio di ieri. Ho preso più ritmo in vista di domani, anche il giro è stato molto veloce. Sono contento della pole e di avere migliorato tanto". E' il commento di Dani Pedrosa. "Speriamo che la moto vada bene come oggi. Possiamo fare una buona gara", spiega ancora lo spagnolo della Honda.

LORENZO - "Sono deluso, quando la temperatura aumenta abbiamo dei problemi. Non posso avere scuse". Così commenta Jorge Lorenzo. "Serve solo lavorare per andare più forte", aggiunge lo spagnolo della Yamaha.

ROSSI - "Partire quinto, sesto o settimo, non cambia. Sarebbe bello partire in prima fila, ma non sono ancora pronto". Valentino Rossi commenta così il settimo posto ottenuto nelle qualifiche del Gran Premio di Catalogna, un risultato ancora una volta deludente, nonostante i progressi visti nelle prove libere. "Purtroppo non siamo riusciti a partire meglio. Però per il resto non è male, ho un buon passo e stiamo lavorando per migliorarlo", spiega il pilota della Yamaha. "Pedrosa sembra avere quel qualcosa più di tutti. C'è Lorenzo che forse è un pelino più veloce ma gli siamo vicini. Marquez, Crutchlow e noi siamo simili. Dovremo fare una bella gara". "Bastava un decimo in meno per partire quinti - continua il 'Dottore' nella sua analisi - ma non sono ancora pronto, non ho ancora quel feeling necessario per l'ultimo pezzettino. Quando provo a fare di più, faccio peggio. Ma non ci arrendiamo, visto che sono un pilota giovane e ho poca esperienza...", scherza Rossi. "Bisogna tenere duro. Per il resto potrebbe essere una gara molto interessante, anche se sarà difficile. Sarà importante partire bene, ci sono piloti molto costanti, bisogna vedere che ritmo terremo. La gara lunga e vedremo anche quale sarà la scelta della gomma posteriore". "Sfruttare il 'traino'? A me tirano sempre, così come a Pedrosa, Lorenzo. Quando mi vedono, rallentano tutti", continua il pilota della Yamaha. "La strategia di oggi - continua Rossi - pensata all'ultimo secondo, è stata buona, ho potuto avere dei giri liberi. Più che traino, bisogna togliere quei due decimi. Nelle qualifiche - conclude - quelli più in forma riescono a togliere rispetto a me quel decimo in più".

ORDINE DI ARRIVO - Questi i risultati delle qualifiche che hanno determinato i primi dieci posti della griglia di partenza del Gran Premio di Catalogna, sesto appuntamento del mondiale MotoGp. 1. Dani Pedrosa, Spa, Honda, 1 minuto, 40.893; 2. Cal Crutchlow, Gbr, Yamaha, 1:41.501; 3. Jorge Lorenzo, Spa, Yamaha, 1:41.566; 4. Alvaro Bautista, Spa, Honda, 1:41.714; 5. Nicky Hayden, Usa, Ducati, 1:41.800; 6. Marc Marquez, Spa, Honda, 1:41.842; 7. Valentino Rossi, Ita, Yamaha, 1:41.959; 8. Andrea Iannone, Ita, Ducati, 1:41.963; 9. Andrea Dovizioso, Ita, Ducati, 1:42.053; 10. Stefan Bradl, Ger, Honda, 1:42.090.







© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata