Fabio Quartararo
Fabio Quartararo
MotoGp, Gp Spagna: pole a Quartararo davanti a Morbidelli e Marquez

Quarto tempo e seconda fila per Andrea Dovizioso. Seguono al quinto posto Maverick Vinales e Cal Crutchlow

Il francese Fabio Quartararo partirà dalla pole position nel Gran Premio di Spagna, valido per il Mondiale della MotoGp, a Jerez. Con il tempo di 1:36.880 il pilota esordiente del Team Yamaha Petronas ha preceduto l'italiano Franco Morbidelli, anche lui su Yamaha, di appena 0.082. Terzo tempo per Marc Marquez, su Honda, a 0.090.

Quarto tempo e seconda fila per Andrea Dovizioso, su Ducati, staccato di 0.138 da Quartararo. Seguono al quinto posto Maverick Vinales, su Yamaha, a 0.234, e Cal Crutchlow, su Honda, sesto a +0.295. Settimo tempo, invece, per l'altra Ducati di Danilo Petrucci a +0.329. Da segnalare anche il buon decimo tempo di Francesco 'Pecco' Bagnaia a 0.504. Per Quartararo è la prima pole della carriera in MotoGp, con 20 anni e 14 giorni è il più giovane a partire dalla prima posizione in un Gran Premio addirittura dal 1974.

"È incredibile, il mio obiettivo era entrare nelle prime due file. Sono molto contento, il team ha fatto un ottimo lavoro tutto il weekened e devo dir grazie a loro", ha commentato Quartararo. "Credo di poter stare nella MotoGp, lo scorso anno qualcuno diceva che era presto per me ma penso di aver fatto bene". E Marquez si è complimentato con l'avversario, "Ha fatto un bellissimo giro e su questa pista non è facile. È stato bravo a battere il mio record, ma sono contento perché la prima fila è importante. Su questa pista di solito facciamo fatica, vediamo domani perché le Ducati sono forti. Il passo è bono ma dipende anche se ci sarà il sole o meo. Perchè con il sole la pista cambia e sarà un'altra gara", aggiunge il campione spagnolo.

Entusiasta per il secondo posto Morbidelli: "È fichissimo. Sono molto contento, quando ho visto la gente del team che urlava ho capito perché. Siamo stati veloci tutto il weekend, stasera ceniamo contenti e vediamo come va domani".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata